Situazione critica

Ciao, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione: ero titolare di partita iva, artigiano piastrellista, e le cose sono andate a rotoli. Ho un debito verso inps inail e ag delle entrate che ammonta a quasi 200 mila euro. Logicamente il tutto è già in cartella. Tempo fa prima che arrivasse a questa cifra andai a fare la rateizzazione presso equitalia, e mi hanno concesso la rateizzazione solo a 5 anni. Le prime rate sono riuscito a pagarle ma dopo la 5^ ho smesso di pagarle, perchè l'importo era comunque troppo alto circa 2500 euro al mese. Da premette che mi hanno fatto il fermo amministrativo dell'auto e messo l'ipoteca sulla casa. Però sull'ipoteca della casa la situazione è un po' particolare perchè io sono proprietario dei 2/3 dell'immobile che però c'è l'usufrutto di mia madre. Da un paio di settimane mi hanno anche bloccato il cc, su questo cc c'era l'addebito delle rate di un prestito e della carda di credito che adesso sono state bloccate. Adesso sono stato contattato anche dal recupero credito per pagare queste rate. Adesso io mi trovo all'estero e volevo sapere se mi verranno a bloccare il mio stipendio qui, il mio cc che ho aperto qui?? Mi è arrivata pure una lettera di diffida in quando non ho pagato alcuni importi per l'inps dei dipendenti e mi chiedono di pagarli entro 30 gg, in caso contrari c'è l'arresto. Scusate ma quegli importi non sono già nelle cartelle??? Quando rientro in Italia o riesco possono bloccarmi? Grazie

Stante la situazione, è prioritario che Lei si preoccupi del pagamento dei contributi per i Suoi dipendenti, visto che in questo caso esiste la possibilità di azione penale.

Fece scalpore, lo scorso Natale, la notizia di un piccolo imprenditore che fu arrestato per il mancato pagamento di sole poche centinaia di eur di contributi per un dipendente!

Per quanto riguarda tutto il resto, è una storia - purtroppo - di ordinario indebitamento. Le cifre non sono risibili, tuttavia non tanto importanti da giustificare una caccia all'uomo. Non credo dunque che nessuno La fermerà alla frontiera (cosa che mi risulta fatta solo nei confronti di Maradona...).

Nonostante le difficoltà della vendita giudiziaria, io considererei la possibilità di vendere l'immobile e di sanare così il debito nei confronti di Equitalia. Lasciato a sè stesso, il debito è destinato ad aumentare esponenzialmente, fino a non lasciare altra alternativa se non l'esito dell'asta.

26 aprile 2011 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • nicola 16 giugno 2011 at 07:50

    ho ricevuto una comunicazione dalla agenzia delle entrate nel 2009 per debiti verso l'erario dell'anno 2006
    mi sono precipitato a richiedere on line la determinazione degli interessi e delle rate e sono riuscito ad ottenere nr 20 rate per un disguido la terza rata è stata pagata con un giorno di ritardo l'agenzia delle entrate mette a ruolo la cartella facendomi decadere dal beneficio e nello stesso tempo anche dalla possibilità di rateizzare con l'ente di riscossione. Mi pare un soppruso da parte della amministrazione!!!!!!!!!non vi pare???

    • dott. Emanuele Perrotta 16 giugno 2011 at 09:52

      Ciao Nicola. Il tuo quesito andrebbe riproposto nella sezione "cartelle esattoriali e tasse" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrai inserire il tuo quesito e leggere la risposta degli esperti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.