Situazione critica

Ciao, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione: ero titolare di partita iva, artigiano piastrellista, e le cose sono andate a rotoli. Ho un debito verso inps inail e ag delle entrate che ammonta a quasi 200 mila euro. Logicamente il tutto è già in cartella. Tempo fa prima che arrivasse a questa cifra andai a fare la rateizzazione presso equitalia, e mi hanno concesso la rateizzazione solo a 5 anni. Le prime rate sono riuscito a pagarle ma dopo la 5^ ho smesso di pagarle, perchè l'importo era comunque troppo alto circa 2500 euro al mese. Da premette che mi hanno fatto il fermo amministrativo dell'auto e messo l'ipoteca sulla casa. Però sull'ipoteca della casa la situazione è un po' particolare perchè io sono proprietario dei 2/3 dell'immobile che però c'è l'usufrutto di mia madre. Da un paio di settimane mi hanno anche bloccato il cc, su questo cc c'era l'addebito delle rate di un prestito e della carda di credito che adesso sono state bloccate. Adesso sono stato contattato anche dal recupero credito per pagare queste rate. Adesso io mi trovo all'estero e volevo sapere se mi verranno a bloccare il mio stipendio qui, il mio cc che ho aperto qui?? Mi è arrivata pure una lettera di diffida in quando non ho pagato alcuni importi per l'inps dei dipendenti e mi chiedono di pagarli entro 30 gg, in caso contrari c'è l'arresto. Scusate ma quegli importi non sono già nelle cartelle??? Quando rientro in Italia o riesco possono bloccarmi? Grazie

Stante la situazione, è prioritario che Lei si preoccupi del pagamento dei contributi per i Suoi dipendenti, visto che in questo caso esiste la possibilità di azione penale.

Fece scalpore, lo scorso Natale, la notizia di un piccolo imprenditore che fu arrestato per il mancato pagamento di sole poche centinaia di eur di contributi per un dipendente!

Per quanto riguarda tutto il resto, è una storia - purtroppo - di ordinario indebitamento. Le cifre non sono risibili, tuttavia non tanto importanti da giustificare una caccia all'uomo. Non credo dunque che nessuno La fermerà alla frontiera (cosa che mi risulta fatta solo nei confronti di Maradona...).

Nonostante le difficoltà della vendita giudiziaria, io considererei la possibilità di vendere l'immobile e di sanare così il debito nei confronti di Equitalia. Lasciato a sè stesso, il debito è destinato ad aumentare esponenzialmente, fino a non lasciare altra alternativa se non l'esito dell'asta.

26 aprile 2011 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su situazione critica. Clicca qui.

Stai leggendo Situazione critica Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 26 aprile 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca