Cucù ... equitalia non c'è più!

Cucù, Matteo Renzi non c'è più!Come purtroppo sappiamo, un destino cinico e baro ha voluto riservare a noi poveri italiani, già segnati da tante sventure e duramente provati da una serie di sfortunate circostanze e di congiunzioni astrali negative, un primo, più buffone che, ministro, il quale ha creduto di poterci prendere impunemente in giro raccontando all'Annunziata, nel corso della mezz'ora in TV di domenica 23 ottobre 2016, la stupidissima ed esilarante storiella del Cucù, Equitalia non c'è più!.

Nell'attesa di quantificare i costi in ulteriori tasse che i cittadini saranno chiamati a versare, per un'operazione, inutilmente di facciata e smaccatamente elettorale, condotta dal guitto fiorentino fidando nell'illusione di poter contare, al prossimo referendum del 4 dicembre 2016, sul voto degli imbecilli che abboccheranno al sottile, subdolo ed ingannevole messaggio veicolato con quel Cucù, Equitalia non c'è più!, noi di indebitati.it, invece, preferiamo continuare a passare in rassegna quelle procedure di recupero crediti esattoriale con cui, Equitalia o non Equitalia, dovremo ancora convivere per lungo tempo, fino a quando, almeno, l'Italia non diverrà un paradiso fiscale come lo è già il Lussemburgo di quell'altro tizio che pontifica, predicando bene e razzolando male, dallo scranno di presidente dell'odiata Commissione Europea.

Ernesto Maria Ruffini, amministratore delegato di Equitalia, presentando una brochure autocelebrativa pubblicata il primo settembre ultimo scorso, scriveva ... come ogni fotografia, anche questa invecchierà e dovrà essere rinnovata. Equitalia sta scrivendo proprio in questi mesi nuovi capitoli della propria giovane vita. Il più rilevante, fra quelli già in atto, è la fusione, dal 1° luglio 2016, dei tre agenti di riscossione – Nord, Centro e Sud - in un'unica società, Equitalia Servizi di riscossione, un unico soggetto con l'obiettivo di essere più snelli, efficienti e virtuosi, ma anche di cambiare il rapporto con quelli che devono essere considerati cittadini prima ancora che contribuenti.

Sarà che forse Ruffini porta sfiga come Fassino, fatto sta che, passato poco meno di un bimestre, il governo ha decretato la scomparsa di Equitalia a partire dal primo luglio 2017: da quella data la società verrà sciolta e cancellata dal registro imprese, mentre l'attività di riscossione sarà svolta da un nuovo organismo denominato Agenzia delle Entrate Riscossione. C'è da dire ad onor del vero, che la fusione dei tre agenti della riscossione – Equitalia Nord, Centro e Sud - in un'unica società, Equitalia Servizi di riscossione, non è stata del tutto inutile: il governo risparmierà qualcosina dovendo adesso provvedere a cancellare una sola Equitalia e non tre dal registro delle imprese: probabilmente i fondi così recuperati serviranno ad abbattere l'IRPEF nel 2017 e, magari, a cancellare anche l'Agenzia delle entrate. Non si tratta di una battuta:il nostro Matteo è capace anche di questo, signori!

24 ottobre 2016 · Rosario Scarnecchia

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cucù ... equitalia non c'è più!. Clicca qui.

Stai leggendo Cucù ... equitalia non c'è più! Autore Rosario Scarnecchia Articolo pubblicato il giorno 24 ottobre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 febbraio 2017 Classificato nella categoria attualità e riflessioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca