Criterio equitativo nel risarcimento del danno non patrimoniale

Nella liquidazione del danno biologico, quando manchino criteri stabiliti dalla legge, il giudice di merito ha l'obbligo di adottare il criterio equitativo predisposto dal Tribunale di Milano, in quanto idoneo a garantire la parità di trattamento.

Tuttavia l'avere assunto la tabella milanese a parametro in linea generale attestante la conformità della valutazione equitativa del danno non comporterà la ricorribilità in cassazione, per violazione di legge, delle sentenze d'appello che abbiano liquidato il danno in base a diverse tabelle per il solo fatto che non sia stata applicata la tabella di Milano e che la liquidazione sarebbe stata di maggiore entità se fosse stata effettuata sulla base dei valori da quella indicati.

Così hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 126/16.

11 gennaio 2016 · Chiara Nicolai

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su criterio equitativo nel risarcimento del danno non patrimoniale. Clicca qui.

Stai leggendo Criterio equitativo nel risarcimento del danno non patrimoniale Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 11 gennaio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose Inserito nella sezione giurisprudenza del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info