CRIF EURISC e cattivi pagatori – ma dove finisce la privacy dei cittadini?

Leggendo gli articoli presenti su questo blog relativi ad EURISC ovvero il sistema di informazioni creditizie (SIC) per la schedatura dei cattivi pagatori, gestito dalla società CRIF di Bologna, sono rimasta veramente allibita. Mi chiedo e vi chiedo: ma davvero finiremo come nel film 1984 tratto dal libro di George Orwell?

Tutti sotto l'occhio vigile del Grande Fratello? Ma chi controlla queste schedature informative? E' lecito un simile comportamento? Sono certa che risponderete che se schedano è perchè abbiamo firmato il consenso al trattamento dei dati. Ma è una presa in giro: se non firmo, se non acconsento al trattamento dei dati non mi concedono il prestito....

Marinella da Cagliari

Il trattamento dei dati contenuti nel SIC avviene da parte di CRIF nel pieno rispetto delle norme che regolano il settore e che sono rappresentate da:

  1. codice in materia di protezione dei dati personali (Decreto Legislativo 30 giugno 2003 numero 196);
  2. codice di deontologia e buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di credito
    al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 23.12.2004 numero 300 ed entrato in vigore il 1° Gennaio 2005, successivamente integrato dall'Avviso dell'Autorità Garante relativo ai termini di conservazione dei dati personali pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 6 marzo 2006, numero 54;
  3. provvedimento dell'Autorità Garante sul bilanciamento degli interessi del 16.11.2004

La normativa sopra riportata è consultabile sul sito del Garante per il trattamento dei dati personali

Per fare una domanda  sulla CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria), sugli altri Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC), sui cattivi pagatori o cattivi debitori, sui tempi massimi di permanenza nelle centrali rischio delle informazioni relative ai cattivi debitori e su tutti gli altri argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

4 settembre 2008 · Ornella De Bellis

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su crif eurisc e cattivi pagatori – ma dove finisce la privacy dei cittadini?.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • karalis 18 settembre 2008 at 08:51

    O negli ultimi 5 mesi non oh avuto i miei soldi equindi non potevo pagare e mi anno scritto nella lista di malpagatore io sto aspettando che mi rientrino le mie fatture e tutti i giorni mi chiamano per sapere quando li pago e oh dimostrato che non sto prendeno i miei soldi ma insistono a chiamare gli oh fatto la proposta recupera i miei soldi che io ti estinguo tutto la risposta eun suo problema

    Commento di Antonio | Giovedì, 18 Settembre 2008

    Esempio il tuo di atteggiamento eccessivamente remissivo. Per questo poi se ne approfittano. Troppe spiegazioni che il debitore non deve.

    Il creditore ha il sacrosanto diritto di mettere in pratica tutte le azioni che ritiene utili al recupero del credito. Tutte, meno quella di tormentare e vessare il proprio debitore.

    La risposta corretta è "Signori non ho il becco di un quattrino. Quando avrò i soldi vi chiamerò io per un accordo a saldo e stralcio. Nel frattempo fate tutto ciò che volete meno che rompermi i co... perchè altrimenti vi denuncio per molestie". Punto e basta.

1 2 3 4