Perché utilizzare una raccomandata ar per inoltrare istanza di cancellazione crif

Altro cosa che lascia un po' perplessi è l'indicazione di inviare istanza di cancellazione CRIF via fax.  CRIF si preoccupa forse dei costi di inoltro dell'istanza di cancellazione? Una istanza di cancellazione CRIF faxata è più conveniente (costa meno) di una inoltrata via raccomandata A/R?

Se così fosse bisogna prendere atto che il riguardo mostrato da CRIF verso le tasche del cattivo pagatore è veramente meritorio e degno di plauso.

E bisogna anche osservare che con il fax l'istanza di cancellazione CRIF impiega meno tempo per arrivare a Bologna.

Io però, preferirei sempre inviare l'istanza di cancellazione CRIF con una raccomandata A/R. Anche se costasse cento volte più dell'invio tramite fax e anche se ci volessero cento giorni in più.

La motivazione è semplice. Mettiamo che, avendone diritto (leggi i punti da 1 a 8 della sezione "cancellazione CRIF - quando si ha diritto di chiederla"), CRIF non proceda ad ottemperare nei termini. Con la ricevuta "send ok" del mio fax non ci farei nulla. Con una ricevuta A/R, invece, potrei recarmi subito da un avvocato e procedere ad una richiesta di risarcimento danni. Ed allora quei tre quattro giorni in più rispetto al fax, che la raccomandata impiega per raggiungere Bologna, sarebbero stati spesi più che bene...

Ma di questo, ovvero come verificare che CRIF abbia effettuato davvero la cancellazione richiesta e quali eventuali azioni di tutela legale intraprendere in caso negativo, parleremo in futuro.

Per fare una domanda agli esperti su quando è possibile chiedere la cancellazione dei propri dati di cattivo pagatore dalla CRIF vai al forum.

15 aprile 2009 · Antonio Scognamiglio

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su perché utilizzare una raccomandata ar per inoltrare istanza di cancellazione crif. Clicca qui.

Stai leggendo Perché utilizzare una raccomandata ar per inoltrare istanza di cancellazione crif Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 15 aprile 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 28 febbraio 2017 Classificato nella categoria crif eurisc - la principale centrale rischi privata italiana . Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi Numero di commenti e domande: 83

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 33 34 35

Contenuti suggeriti da Google

Altre info