Cresce l'indebitamento: è allarme usura

Negli ultimi 5 anni (novembre 2002 - novembre 2007) l'indebitamento delle famiglie italiane è lievitato dell'81,5% raggiungendo un livello medio pari a 14.800 euro mentre si fa sempre più concreto il rischio usura come attesta l'aumento delle denunce passate, tra il 2000 e il 2006, da 852 a 1.135 di un fenomeno il cui giro d'affari oscilla tra i 15 ed i 20 miliardi di euro l'anno. E' la Cgia di Mestre a scattare la fotografia sulle difficoltà in cui versano le famiglie italiane. "Negli ultimi 5 anni - rileva la Cgia di Mestre - è aumentato sia l'indebitamento delle famiglie italiane sia l'usura. Dal 2002 al 2007 in media ogni nucleo familiare del Paese ha visto lievitare dell'81,5 % il proprio "cumulo" di debiti nei confronti del sistema bancario (in termini assoluti l'indebitamento medio delle famiglie è pari a 14.800 euro). Mentre, tra il 2000 e il 2006, le persone denunciate per usura all'Autorità giudiziaria sono passate da 852 a 1.135″, si legge nel rapporto presentato oggi".

"E' probabile - commenta Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre - che ci sia una correlazione molto stretta tra i due fenomeni. Ovvero, l'aumento delle esposizioni debitorie delle famiglie potrebbe aver favorito il ricorso di quest'ultime a forme di prestito illegali per fronteggiare le oggettive difficoltà economiche che stiamo vivendo in questi ultimi anni". Se poi l'attenzione si focalizza su commercianti, artigiani, esercenti e piccoli imprenditori la sentenza è altrettanto chiara e sconfortante: "Il tributo pagato per la lievitazione del capitale e degli interessi applicati dagli usurai a queste categorie - prosegue Bortolussi - oscilla, a nostro avviso, tra i 15 e i 20 miliardi di euro l'anno. Una stima molto spannometrica, vista la difficoltà oggettive che non ci consentono di dimensionare un fenomeno così sommerso come l'usura".

Il rischio usura, comunque, è da mettere in stretta relazione, per la Cgia di Mestre, con "il crescente impoverimento delle famiglie e con la mancanza di liquidità che le spinge a continue richieste di finanziamenti". Leciti ma, purtroppo, anche illeciti. La situazione peggiore sul fronte dello strozzinaggio, sempre basandosi sul numero di persone denunciate, è la Campania che nel 2006 ha registrato 186 denunce (+ 80 tra il 2000 e il 2006). Seguono Calabria, con 123 denunce (+ 52 tra il 2000 e il 2006), Puglia con 114, Sicilia con 109, Lazio con 99 e Lombardia con 98. Il Piemonte, invece, dove i casi di usura rilevati nel 2006 sono stati 85, risulta essere una delle regioni in cui il fenomeno criminoso è cresciuto maggiormente negli ultimi sei anni analizzati (+57) Ci sono però anche Regioni in cui le denunce calano, anche se questo non necessariamente è da legare ad una flessione del fenomeno: il Lazio, per esempio, è passato dalle 162 denunce del 2000 alle 99 del 2006 con una flessione del 63% così come la Sardegna ha registrato un calo del 18% passando delle 32 del 2000 alle 14 del 2006.

24 novembre 2007 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cresce l'indebitamento: è allarme usura.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.