Gli atti prodromici alla fase di esecuzione della riscossione coattiva dei debiti tributari, gli atti esecutivi e l'estratto di ruolo

Esistono, poi, tutta una serie di atti che sono prodromici alla fase di esecuzione della riscossione coattiva, ovvero, in termini semplici, che precedono la fase di esecuzione della riscossione coattiva e seguono l'emissione del titolo esecutivo; come l'avviso di intimazione (o avviso di mora o intimazione al pagamento), il preavviso di fermo amministrativo, il preavviso di iscrizione ipotecaria, inviati al debitore per ricordargli l'esistenza a suo carico di un titolo esecutivo pendente, per informarlo dell'imminenza di un una misura cautelare disposta sui beni di proprietà e che svolgono altresì la funzione di comunicazione interruttiva dei termini di prescrizione del titolo esecutivo.

Un altro documento di fondamentale importanza, per quanto esporremo nel seguito, è l'estratto di ruolo, che entra in gioco contemporaneamente all'emissione ed alla notifica al debitore della cartella esattoriale. L'estratto di ruolo, viene consegnato su richiesta del debitore dal concessionario della riscossione (oppure è visualizzabile accedendo al sito di Equitalia con credenziali fornite dall'INPS) e costituisce semplicemente un elaborato informatico sintetico, a cura dell'esattore, che riporta le stesse informazioni contenute nella cartella esattoriale.

Dunque, abbiamo visto che la riscossione coattiva di un credito di natura tributaria passa, in linea di principio, attraverso una fase di accertamento della pretesa tributaria (avviso di accertamento non immediatamente esecutivo, avviso di accertamento immediatamente esecutivo, ingiunzione fiscale); che la fase di accertamento può coincidere con la formazione del titolo esecutivo (avviso di accertamento immediatamente esecutivo, ingiunzione fiscale) o può essere disgiunta dalla stessa (l'avviso di accertamento non immediatamente esecutivo e successivamente la cartella esattoriale); che esistono atti (avviso di intimazione, preavviso di iscrizione ipotecaria, preavviso di iscrizione di fermo amministrativo) che anticipano la fase di esecuzione della riscossione coattiva vera e propria e per questo definiti come prodromici alla fase di esecuzione della riscossione coattiva.

Da menzionare, infine, gli atti propri della fase di esecuzione della riscossione coattiva quali l'iscrizione di ipoteca sugli immobili, l'iscrizione di fermo amministrativo sui veicoli, nonché quelli che afferiscono il pignoramento e l'espropriazione dei beni del debitore (stipendi, pensioni, conti correnti, immobili). Anche la notifica di una atto proprio della fase di esecuzione della riscossione coattiva presuppone, a pena di nullità, la corretta notifica del titolo esecutivo (atto presupposto). Gli atti propri della fase di esecuzione della riscossione coattiva si indicano, altresì, come atti esecutivi.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli atti prodromici alla fase di esecuzione della riscossione coattiva dei debiti tributari, gli atti esecutivi e l'estratto di ruolo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.