Associazione per il volontariato

L'intervento diretto dei privati nello svolgimento di opere con finalità caritatevoli è sempre stato un fenomeno diffuso, inizialmente caratteristico di organizzazioni connotate religiosamente, e in seguito esteso anche a gruppi laici

.

Negli ultimi anni, però, il fenomeno del volontariato è cresciuto in modo significativo, arrivando a sopperire, almeno in parte, alle piccole o grandi mancanze della pubblica amministrazione in molti campi di intervento.

Anche il legislatore si è reso conto dell'importanza di queste organizzazioni private, e ha dettato alcune norme destinate ad agevolarne l'attività, almeno sotto il profilo fiscale.

Naturalmente, la legge ha fissato una serie di requisiti piuttosto rigidi, per evitare che approfittino dei benefici anche gli enti non ritenuti meritevoli.

Anzitutto sono concesse le agevolazioni solo a favore delle organizzazioni di volontariato che, indipendentemente dalla forma giuridica assunta, prevedano espressamente nello statuto o nell'atto costitutivo
l'assenza di qualsiasi fine di lucro.

È chiaro, infatti, che l'attività di volontariato può essere considerata tale solo se effettivamente svolta in modo del tutto altruistico e disinteressato.

In caso contrario si potrà avere, certo, un attività di assistenza, ma la presenza di un fine di lucro comporta la decadenza da qualsiasi beneficio.

Lo statuto o l'atto costitutivo devono inoltre assicurare la democraticità della struttura organizzativa, con particolare riferimento alle modalità di approvazione delle delibere e all'elezione delle cariche associative.

Tutti i volontari, dunque, devono essere ammessi a concorrere alle decisioni dell'associazione e avere la possibilità di essere eletti negli organi preposti alla loro amministrazione.

In particolare, le cariche nell'ambito dell'associazione devono essere sempre elettive, e devono essere necessariamente gratuite, con esclusione di ogni forma di compenso che ecceda il rimborso delle spese effettivamente sostenute nell'interesse dell'organizzazione.

Naturalmente devono essere gratuite anche le prestazioni fornite da tutti gli associati, dato che si tratta, appunto, di volontari.

Infine, lo statuto o l'atto costitutivo devono prevedere l'obbligo di redigere un bilancio annuale, nel quale risultino i beni ricevuti gratuitamente da terzi. Per ottenere le agevolazioni è necessario anche che l'associazione sia iscritta negli appositi registri del volontariato tenuti dalle Regioni.

Le agevolazioni previste a favore delle organizzazioni di volontariato consistono anzitutto nell'esenzione dall'imposta di registro e di bollo per gli atti costitutivi, modificativi o comunque connessi con l'attività di volontariato.

Inoltre, le cessioni di beni o prestazioni di servizi eventualmente effettuate dalle associazioni di volontariato sono esenti da Iva.

Nel caso in cui dette associazioni ricevano beni in donazione o per successione, è prevista l'esenzione dalle imposte ipotecarie e catastali e dal bollo. La stessa esenzione completa dall'imposta di registro, dalle imposte ipotecarie e catastali e dal bollo è prevista per l'eventuale acquisto di beni immobili da destinare a sede operativa o amministrativa dell'organizzazione di volontariato, oppure da adibire a centro di ricerca, cura e ricovero per handicappati.

Si tratta, senza dubbio, di agevolazioni significative, dato che consentono alle associazioni di porre in essere, senza pagare alcuna imposta, gran parte delle operazioni giuridiche necessarie per la creazione della loro struttura e per lo svolgimento della loro attività.

Ricordiamo infine che le associazioni di volontariato rientrano di diritto nella categoria delle ONLUS.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su associazione per il volontariato.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.