Così i pagamenti ritardati frenano l'Europa

Farsi pagare nei tempi stabiliti è spesso una chimera: lo sanno bene le tante aziende colpite da clienti distratti, disorganizzati o insolventi, dovendo far fronte a costi addizionali per circa 25 miliardi di euro ogni anno. La fotografia sui rischi di pagamento arriva dalla ricerca European Payment Index 2008, recentemente presentata a Milano da Intrum Justitia (società svedese leader europea del recupero crediti) al Forum delle imprese Francia-Italia.

Lo studio, realizzato tra gennaio e febbraio 2008 in 25 paesi, ha composto un indice di rischio considerando vari parametri. La media europea del 2008 è 150, in crescita dal 2007 (149) ma in miglioramento dal 2004 (152,3). Questo numero non comporta una vera situazione di emergenza, ma è un campanello d'allarme per misure urgenti di prevenzione e difesa.

Virtuosi e lassisti: la geografia dell'insolvenza

Tra i principali parametri dell'indice, la durata media dei pagamenti e quella dei ritardi, le perdite dichiarate dalle aziende. La ricerca si basa su dati puramente numerici e statistici, a prescindere dal valore dei singoli crediti. L'isola felice rimane la penisola scandinava, con i pagamenti effettuati normalmente in 30 giorni contro il dato europeo di 55,5 giorni. La maglia nera spetta a Portogallo, Grecia e Cipro, ma anche l'Italia è tra i fanalini di coda con un ritardo medio di 28 giorni (+4,1 rispetto il 2007).

Per quanto riguarda le perdite dei pagamenti dovuti, il livello europeo è salito da 1,9 a 2% nel corso di un anno. La percentuale minore spetta alla Finlandia (0,6%), mentre i rischi maggiori si concentrano in Lituania e Repubblica Ceca (3%). L'Italia, su questo versante, è più virtuosa rientrando nel gruppo dei paesi con percentuale compresa tra uno e 1,9 insieme a Francia, Gran Bretagna, Norvegia e Svezia. La tendenza è ugualmente negativa nel nostro paese, essendo passata da 0,8 a 1,6 nel periodo 2004-2008. L'indice di rischio complessivo è superiore di otto punti alla media europea, 158 contro 150.

I profili dei debitori e l'urgenza di agire

Quali sono le cause dei ritardi? Innanzi tutto le difficoltà finanziarie d'imprese e clienti privati, dovute allo scenario di rallentamento economico e aumento dei prezzi. In secondo luogo, il ritardo intenzionale, seguito dalle inefficienze amministrative e dalle contestazioni. Il livello dell'indebitamento indica in modo chiaro il rischio legato ai pagamenti: secondo la Banca d'Italia, nel giugno 2007, le famiglie italiane erano impegnate per il 49% del reddito disponibile, mentre il debito aziendale aveva raggiunto il 69% del Pil. Un aspetto essenziale della lotta all'insolvenza, secondo Intrum Justitia, è la conoscenza del profilo psicologico dei debitori privati e business, per meglio comprendere le loro azioni e rendere più sicura la strada del recupero creditizio.

Intrum ha così elaborato sette categorie (specialisti, selettivi, insolventi e così via) scoprendo, inoltre, che i clienti e le aziende migliori si trovano rispettivamente in Lombardia e Veneto, mentre quelli peggiori sempre in Campania. Il problema è che la maggior parte delle imprese italiane considera l'intervento di una società recupero crediti come un'invasione di campo, ricorrendo ai suoi servizi quando spesso è troppo tardi, mentre Intrum consiglia di non aspettare oltre due settimane dal mancato pagamento per inviare il primo sollecito.

di Luca Re

24 agosto 2008 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su così i pagamenti ritardati frenano l'europa.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.