Cosa venduta - differenze fra garanzia per i vizi e garanzia di buon funzionamento

La disciplina della garanzia per vizi della cosa venduta pone il venditore in una situazione non tanto di obbligazione, quanto di soggezione rispetto all'iniziativa del compratore, intesa alla modifica del contratto od al suo annullamento: il compratore non dispone di un'azione di esatto adempimento per ottenere dal venditore l'eliminazione dei vizi della cosa venduta, rimedio che gli compete solo in particolari ipotesi di legge (garanzia di buon funzionamento, vendita di beni di consumo) o qualora il venditore si sia specificamente impegnato alla riparazione del bene.

La denuncia dei vizi della cosa venduta non richiede necessariamente una dettagliata esposizione dei vizi, consistendo la finalità della denuncia nel mettere il venditore sull'avviso in ordine alle intenzioni del compratore e, contemporaneamente, nel consentirgli di verificare tempestivamente la veridicità della doglianza. Ne deriva che una denuncia, sia pure generica, può esser idonea a detto fine, ove con essa il venditore sia reso edotto che il compratore ha riscontrato, benché in modo non ancora esauriente e completo, che la cosa da lui acquistata è affetta da vizi che la rendono inidonea all'uso cui è destinata e ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore.

La garanzia per i vizi della cosa venduta differisce da quella di buon funzionamento della cosa venduta che, con l'assicurazione di un determinato risultato (il buon funzionamento della cosa per il tempo convenuto), determina una più forte garanzia del compratore, in via autonoma ed indipendente rispetto alla garanzia per vizi della cosa venduta ed alla responsabilità per mancanza di qualità.

Anche sotto il profilo dell'onere probatorio le due garanzie si differenziano. La garanzia di buon funzionamento della cosa venduta impone all'acquirente solo l'onere di dimostrare il cattivo funzionamento della cosa venduta, restando a carico del venditore provare che il cattivo funzionamento sia dipendente da fatto del compratore. La garanzia per vizi della cosa venduta, invece, impone all'acquirente l'onere di provare il vizio che rende la cosa venduta inidonea all'uso cui è destinata, pur presumendosi la colpa del venditore in relazione alla sua conoscenza del vizio.

E' quanto hanno chiarito i giudici della Corte di Cassazione nell'ambito della sentenza 25027/15.

15 dicembre 2015 · Annapaola Ferri

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa venduta - differenze fra garanzia per i vizi e garanzia di buon funzionamento. Clicca qui.

Stai leggendo Cosa venduta - differenze fra garanzia per i vizi e garanzia di buon funzionamento Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 15 dicembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca