Cartelle esattoriali ereditate da soggetti defunti

Se il defunto aveva debiti con l'erario

Accade talvolta che, successivamente alla morte di un proprio caro, i parenti ricevano degli avvisi di accertamento o delle cartelle esattoriali relative a debiti del defunto nei confronti dell'erario.

A tal proposito può essere utile ricordare preliminarmente che soltanto gli eredi possono essere chiamati a rispondere dei debiti di persone defunte e che si diventa eredi soltanto con l’accettazione dell'eredità. In altre parole, senza la qualifica di erede nessuno può essere obbligato a pagare i debiti tributari di soggetti defunti.

La procedura di notifica degli atti tributari agli eredi del defunto debitore

Ciò premesso la procedura di notifica degli atti tributari nel caso di persone defunte deroga parzialmente a quella generale, deroghe previste in particolare dall'articolo 65, co. 2, DPR 600/1973.

La citata disposizione prevede in capo agli eredi l’obbligo di comunicare all'ufficio delle imposte le proprie generalità e il proprio domicilio fiscale.

Tale comunicazione ha efficacia a partire dal 30° giorno successivo alla sua effettuazione ed è necessaria affinché l’ufficio sappia a chi intestare e indirizzare i propri atti dopo la morte del debitore originario: come detto, infatti, gli eredi sono responsabili dei debiti del defunto e, pertanto, sono loro i veri destinatari degli atti dell'amministrazione finanziaria.

Se la comunicazione è effettuata, tutti gli atti relativi alla posizione tributaria del defunto dovranno essere notificati a ciascuno degli eredi presso il loro domicilio affinché questi possano onorare il debito o, nel caso, proporre opposizione.

Per l’eventualità della mancata comunicazione il legislatore non ha previsto sanzioni vere e proprie ma una sorta di “sanzione indiretta” e, cioè, che l’Agenzia ed Equitalia possano notificare gli atti nell’ultimo domicilio del defunto anziché presso quello degli eredi: può darsi, quindi, che gli eredi ne vengano a conoscenza solo quando è troppo tardi.

Per questi casi l’articolo 65, co. 4, DPR 600/1973 prevede che gli atti continuino a essere intestati al dante causa ma siano notificati “agli eredi impersonalmente e collettivamente all'ultimo domicilio [del defunto

”: in altre parole, l’atto sarà ancora “diretto” al defunto ma sulla relata di notifica dovrà essere indicato che l’atto è notificato a tutti gli eredi (collettivamente) pur se senza l’indicazione del nome di alcuno di essi in particolare (impersonalmente).

Caso in cui la notifica della cartella esattoriale agli eredi del defunto debitore deve considerarsi nulla

Ciò che è importante sottolineare è che se tale procedura non dovesse essere rispettata la notifica sarà nulla (in tal senso vd. a titolo esemplificativo le sentenze C. Cass. 26124/2007; C. Cass. 12886/2007; C. Cass. 8272/2006) e l’amministrazione non potrà pretendere alcunché sulla base di esso.

Infine, si segnala che la descritta procedura di notifica “agli eredi impersonalmente e collettivamente all'ultimo indirizzo del defunto” potrà essere seguita anche in relazione agli atti notificati nei trenta giorni successivi alla comunicazione degli eredi. È, pertanto, consigliabile che anche per tale periodo gli eredi si premurino di verificare che nulla sia loro notificato presso l’ultimo domicilio del defunto.

di Diego Conte per indebitati.it

Per porre una domanda su cosa fare quando un nostro congiunto ci lascia in eredità debiti e cartelle esattoriali, accedi a questo forum.

Per ulteriori approfondimenti sulle azioni da intraprendere quando Cosa fare quando un nostro congiunto ci lascia in eredità debiti e cartelle esattoriali, consulta questa sezione del blog.

19 agosto 2013 · Diego Conte

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartelle esattoriali ereditate da soggetti defunti. Clicca qui.

Stai leggendo Cartelle esattoriali ereditate da soggetti defunti Autore Diego Conte Articolo pubblicato il giorno 19 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 26 dicembre 2016 Classificato nella categoria eredità debiti tributari Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca