La procedura di notifica degli atti tributari agli eredi del defunto debitore

Ciò premesso la procedura di notifica degli atti tributari nel caso di persone defunte deroga parzialmente a quella generale, deroghe previste in particolare dall'articolo 65, co. 2, DPR 600/1973.

La citata disposizione prevede in capo agli eredi l'obbligo di comunicare all'ufficio delle imposte le proprie generalità e il proprio domicilio fiscale.

Tale comunicazione ha efficacia a partire dal 30° giorno successivo alla sua effettuazione ed è necessaria affinché l'ufficio sappia a chi intestare e indirizzare i propri atti dopo la morte del debitore originario: come detto, infatti, gli eredi sono responsabili dei debiti del defunto e, pertanto, sono loro i veri destinatari degli atti dell'amministrazione finanziaria.

Se la comunicazione è effettuata, tutti gli atti relativi alla posizione tributaria del defunto dovranno essere notificati a ciascuno degli eredi presso il loro domicilio affinché questi possano onorare il debito o, nel caso, proporre opposizione.

Per l'eventualità della mancata comunicazione il legislatore non ha previsto sanzioni vere e proprie ma una sorta di “sanzione indiretta” e, cioè, che l'Agenzia ed Equitalia possano notificare gli atti nell'ultimo domicilio del defunto anziché presso quello degli eredi: può darsi, quindi, che gli eredi ne vengano a conoscenza solo quando è troppo tardi.

Per questi casi l'articolo 65, co. 4, DPR 600/1973 prevede che gli atti continuino a essere intestati al dante causa ma siano notificati “agli eredi impersonalmente e collettivamente all'ultimo domicilio [del defunto]”: in altre parole, l'atto sarà ancora “diretto” al defunto ma sulla relata di notifica dovrà essere indicato che l'atto è notificato a tutti gli eredi (collettivamente) pur se senza l'indicazione del nome di alcuno di essi in particolare (impersonalmente).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la procedura di notifica degli atti tributari agli eredi del defunto debitore.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Ornella De Bellis 21 agosto 2013 at 14:17

    la cartella di pagamento indirizzata al contribuente defunto è da ritenersi validamente notificata ed il debito che ne scaturisce deve essere regolato dagli eredi

    La Cassazione, con la sentenza 17430/13 ha stabilito che la cartella di pagamento indirizzata al contribuente defunto è da ritenersi validamente notificata presso il suo ultimo domicilio ed il relativo debito che ne scaturisce deve essere regolato dagli eredi.

    L'erede non può proporre ricorso motivandolo esclusivamente con la nullità della cartella, in quanto notificata a persona defunta, nonostante l'Ufficio fosse a piena conoscenza dell'avvenuto decesso e del nominativo degli eredi.

    I giudi supremi hanno eccepito che i n caso di morte del contribuente, la notificadella cartella esattoriale a lui intestata è legittimamente effettuata presso l'ultimo domicilio del defunto ed è efficace nei confronti degli eredi, ove questi ultimi non abbiano tempestivamente provveduto alla comunicazione … non assumendo alcun rilievo le indicazioni contenute nella dichiarazione dei redditi, le quali non possono validamente sostituire la predetta comunicazione, che dev’essere presentata direttamente all'Ufficio o trasmessa mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

1 2 3 4