Cartella esattoriale originata da multa - Omessa notifica del verbale di multa o vizi di notifica tali da comportare l'inesistenza giuridica della notifica del verbale di multa

Ove ci si trovi a fronte di un evidente e grave vizio di notifica del verbale di multa, il rimedio da esperire è quello di presentare un'istanza in autotutela per l'annullamento e lo sgravio della cartella esattoriale.

Qualora l'istanza venga rigettata, non resta che seguire la strada del ricorso all'esecuzione ex articolo 615 codice di procedura civile.

La Corte di cassazione in più occasioni ha ribadito che a seguito della notifica di una cartella esattoriale, dalla quale risulti l'iscrizione a ruolo di un importo a titolo di sanzione pecuniaria amministrativa, l'interessato, al fine di far valere fatti estintivi sopravvenuti alla formazione del titolo esecutivo (avvenuto pagamento, decesso dell'obbligato in assenza di coobbligati, decadenza o prescrizione del diritto alla riscossione da parte della pubblica amministrazione) oppure in presenza di una sentenza di annullamento del verbale di multa, o, ancora, per l'omessa o gravemente viziata notifica dell'atto presupposto (il verbale di multa, appunto), deve proporre opposizione all'esecuzione, per la quale è competente il giudice indicato dalla legge come competente in ordine alla opposizione alprovvedimento sanzionatorio. Quindi il Giudice di Pace territorialmente competente in relazione al luogo in cui la multa è stata elevata.

Va aggiunto che il ricorso ex articolo 615 codice di procedura civile si qualifica come opposizione alla procedura di esecuzione forzata intrapresa dall'agente della riscossione con la notifica della cartella esattoriale ed è, pertanto, sottratta alla giurisdizione tributaria in base all'articolo 2 comma 1 d.lg.31.12.1992 numero 546 secondo cui: Restano escluse dalla giurisdizione tributaria soltanto le controversie riguardanti gli atti della esecuzione forzata successivi alla notifica della cartella di pagamento.

Inoltre, si osserva che, dopo aver riconosciuto che la contestazione investe esclusivamente il diritto di procedere all'esecuzione, va affermato l'ulteriore principio che per l'opposizione ai sensi dell'articolo 615 codice di procedura civile non è previsto alcun termine di decadenza. (Cfr. Cassazione civile sez. III, 16 novembre 1999, numero 12685 Giust. civ. Mass. 1999,2262). Per dire che il ricorso può essere avviato anche decorsi 60 giorni dalla data di notifica della cartella esattoriale, sempre nel caso in cui si contesti l'omessa o viziata notifica del verbale di multa.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale originata da multa - omessa notifica del verbale di multa o vizi di notifica tali da comportare l'inesistenza giuridica della notifica del verbale di multa.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.