Cosa fare quando non si può pagare – consigli per il debitore

1. Cosa fare quando non si può pagare – consigli per gestire il sovraindebitamento
2. Per gestire il sovraindebitamento - Exit strategies
3. Rischi connessi alle strategie consigliate - il più probabile è il pignoramento del quinto dello stipendio

Cosa fare quando non si può pagare – consigli per gestire il sovraindebitamento

Si dimentichi mutui od ulteriori prestiti per consolidamento a Suo nome, le segnalazioni negative in SIC che ha accumulato sono ostative per qualsiasi tipo di accesso al credito, e lo saranno almeno per 36 mesi da quando sarà riuscito a saldare per intero i Suoi debiti.

L'unica possibilità potrebbe essere un terzo (un parente, un amico) disposto ad aiutarLa che prenda il prestito a Suo nome.

Dia la priorità all'assegno di mantenimento di Suo figlio, diversamente potrebbe avere conseguenze anche penali.

Per gestire il sovraindebitamento - Exit strategies

Le suggerisco due strategie da seguire per limitare i danni conseguenti al sovraindebitamento:

  1. sospendere in toto i pagamenti, accumulando la liquidità che avrebbe destinato agli stessi. Raggiunta una cifra congrua, può provare a destinarla, un prestito alla volta, ad un'offerta di saldo a stralcio;
  2. pagare alternativamente un mese una rata, un mese un'altra ecc. questo metodo Le permetterebbe di rallentare il proseguio delle varie azioni di recupero da parte dei creditori, e per i prestiti più piccoli potrebbe arrivare, sia pure con ritardo, all'estinzione.



Rischi connessi alle strategie consigliate - il più probabile è il pignoramento del quinto dello stipendio

Il creditore che si muoverà per primo, con ogni probabilità, è quello con residuo più altro, per il quale ha accumulato fra l'altro il ritardo più elevato. Non è da escludere un'ipoteca sulla Sua proprietà immobiliare, tuttavia l'importo relativamente basso degli insoluti mi lascia credere che prima di arrivare a tanto le finanziarie tenteranno altri approcci.

Riguardo al colloquio con i recuperatori, non rispondere tout court potrebbe accellerare il percorso delle pratiche verso il recupero giudiziale. Risponda, esponga la Sua situazione, e attacchi il telefono solo di fronte ad eventuali recuperatori maleducati ed arroganti.

Infine, ma non per ultimo, tenga la testa alta, Lei è un uomo che sta lottando per riguadagnare la Sua dignità e per il futuro dei Suoi figli, e per questo ha tutta la mia stima e deve pretendere il rispetto che merita.

Per fare una domanda agli esperti vai alforum

Per approfondimenti, accedi allesezioni tematiche del blog

31 agosto 2013 · Chiara Nicolai

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

debitori insolventi

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa fare quando non si può pagare – consigli per il debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Cosa fare quando non si può pagare – consigli per il debitore Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 31 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria debitori insolventi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca