Le sanzioni per omesso o insufficiente pagamento di imposte e tasse non sono trasmissibili agli eredi

Intanto, però, l'ufficio mittente deve riformulare la cartella esattoriale depennandola dalle sanzioni: infatti, il decreto legislativo numero 472/1997 ha stabilito che gli eredi devono pagare l'importo delle tasse eventualmente evase o dovute dai defunti, ma non le sanzioni e le soprattasse. Ecco perché, inizialmente, è opportuno respingere la cartella indirizzata al defunto.

Se poi la cartella è "pazza" o se l'ufficio mittente se ne infischia anche di riformulare la cartella depennando sanzioni e soprattasse, l'erede è costretto a ricorrere alla procedura della cosiddetta ""autotutela".

Bisogna inviare allo stesso ufficio tributario creditore che figura nella cartella - e per conoscenza all'esattoria - una raccomandata AR, allegando fotocopia della cartella stessa e chiedendone la corretta riformulazione senza le sanzioni, ai sensi sia del decreto ministeriale numero 37/1997 per errore palese (è il cosiddetto decreto sulla "autotutela"), sia degli articoli 8 e 25 del decreto legislativo numero 472/1997 per non trasmissibilità agli eredi delle sanzioni. Tuttavia in molti casi i cosiddetti eredi non hanno ereditato nulla e, quindi, non essendo eredi non dovrebbero pagare la cartella esattoriale.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca