Le sanzioni per omesso o insufficiente pagamento di imposte e tasse non sono trasmissibili agli eredi

Intanto, però, l'ufficio mittente deve riformulare la cartella esattoriale depennandola dalle sanzioni: infatti, il decreto legislativo numero 472/1997 ha stabilito che gli eredi devono pagare l'importo delle tasse eventualmente evase o dovute dai defunti, ma non le sanzioni e le soprattasse. Ecco perché, inizialmente, è opportuno respingere la cartella indirizzata al defunto.

Se poi la cartella è "pazza" o se l'ufficio mittente se ne infischia anche di riformulare la cartella depennando sanzioni e soprattasse, l'erede è costretto a ricorrere alla procedura della cosiddetta ""autotutela".

Bisogna inviare allo stesso ufficio tributario creditore che figura nella cartella - e per conoscenza all'esattoria - una raccomandata AR, allegando fotocopia della cartella stessa e chiedendone la corretta riformulazione senza le sanzioni, ai sensi sia del decreto ministeriale numero 37/1997 per errore palese (è il cosiddetto decreto sulla "autotutela"), sia degli articoli 8 e 25 del decreto legislativo numero 472/1997 per non trasmissibilità agli eredi delle sanzioni. Tuttavia in molti casi i cosiddetti eredi non hanno ereditato nulla e, quindi, non essendo eredi non dovrebbero pagare la cartella esattoriale.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le sanzioni per omesso o insufficiente pagamento di imposte e tasse non sono trasmissibili agli eredi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.