Ipoteca volontaria a favore dei creditori

L'ipoteca volontaria viene iscritta a favore dei creditori a garanzia di un credito concesso. Esempio: La banca vuole garantire il mutuo concesso con una ipoteca. Il mutuatario signora X è d'accordo e dunque iscrive ipoteca volontaria a carico del suo immobile al li­bro fondiario. L'ipoteca volontaria può essere concessa anche da un terzo non-debitore.

Esempio:

Il signor X deve 100 al signor Y. Il signor X non ha proprietà immobiliari, allora il signor Z concede un‘ipoteca sul proprio immobile a garanzia della pretesa del signor Y. La concessione dell'ipoteca avviene mediante una dichiarazione di volontà unilaterale del terzo (signor Z) per atto scritto ed autenticato dal notaio. La conces­sione di un'ipoteca volontaria non può avvenire mediante il testamento.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ipoteca volontaria a favore dei creditori. Clicca qui.

Stai leggendo Ipoteca volontaria a favore dei creditori Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 8 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 26 dicembre 2016 Classificato nella categoria iscrizione di ipoteca esattoriale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2

Contenuti suggeriti da Google

Altre info