Cosa devo fare per chiedere accesso al beneficio del tetto al 4% sugli interessi relativi ai mutui a tasso variabile?

Ho letto del decreto anticirisi che ha previsto un tetto al 4% per gli interessi sui mutui a tasso variabile. Cosa devo fare per richiedere l'accesso al beneficio? Esistono delle disposizioni attuative?

Io, peraltro, ho rinegoziato il mutuo in applicazione all'accordo Abi-Tremonti. Mi chiedo se potrò fruire di un eventuale sconto sugli interessi in conseguenza a queste nuove disposizioni legislative sul tetto del 4%.

Grazie per l'attenzione, Saverio

A stabilire chi avrà diritto all'integrazione della rate da parte del Tesoro è l'Agenzia delle entrate che invierà alle banche, e agli altri intermediari finanziari, un elenco con gli intestatari di mutui che, sulla base delle informazioni disponibili presso l'Anagrafe tributaria, posseggono i requisiti per godere dell'agevolazione.

Come prevede il decreto, l'integrazione riguarderà tutte le rate dei mutui "a tasso non fisso" da corrispondere nel corso del 2009. Il tetto è calcolato applicando il tasso maggiore tra il 4 per cento senza spread, spese varie o altro tipo di maggiorazione e il tasso contrattuale alla data di sottoscrizione del contratto. In partica l'agevolazione non riguarderà i mutui per i quali il tasso iniziale contrattuale eragià superiore al 4% al momento della firma del contratto, e ovviamente non si applica nel caso in cui le condizioni contrattuali determinano già una rata di importo inferiore. Insomma solo chi si trovasse a fine marzo a dover pagare, ad esempio, una rata del 4,70%, potrebbe ora beneficiare del tetto al 4%, a patto che, però, al momento della sottoscrizione del mutuo il tasso non fosse già al di sopra del 4%.

In ogni caso l'agevolazione spetta solo agli intestatari di un mutuo a tasso variabile contratto per l'acquisto, la costruzione e ristrutturazione dell'abitazione principale. Come per le altre agevolazioni prima casa sono esclusi i mutui destinati agli acquisti di immobili di categoria A1 (abitazioni signorili), A8 (abitazioni in ville) e A9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici). Inoltre si deve trattare di mutui sottoscritti entro il 31 ottobre 2008.

Sono agevolati anche i mutui rinegoziati in applicazione dell'accordo Abi-Tremonti con effetto sul conto di finanziamento accessorio, oppure, a partire dal momento in cui lo stesso conto ha un saldo pari a zero. In questo modo si accorcia la durata del finanziamento stesso.

In conclusione, sarà l'Agenzia delle entrate a comunicare alle banche i nomi dei mutuatari che hanno le caratteristiche per aver dititto all'agevolazioen da parte dello Stato. Le banche anticiperanno il contributo dello Stato, quando dovuto, e poi avranno diritto ad un credito d'imposta pari alla somma anticipata.

Chi ritiene di aver diritto all'intervento dello Stato, ma non è nell'elenco dall'Agenzia delle Entrate, potrà comunque richiedere alla banca o all'intermediario finanziario di poter beneficiare dell'agevolazione. Per questo occorrerà presentare un'autocertificazione che attesti il possesso dei requisiti necessari.

10 marzo 2009 · Piero Ciottoli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cosa devo fare per chiedere accesso al beneficio del tetto al 4% sugli interessi relativi ai mutui a tasso variabile?.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.