Il nuovo sistema di conciliazione per le controversie di luce e gas - Come funziona

In tempi di crisi economica ma di costante crescita dell'offerta di servizi energetici da parte di diversi operatori sul mercato, le controversie tra le aziende fornitrici, privati cittadini e imprese sui contratti sottoscritti e sull'esecuzione degli stessi si avvalgono di un nuovo e veloce strumento di conciliazione per evitare di finire innanzi a un Tribunale.

Si tratta di un sistema del tutto gratuito e digitalizzato, attraverso il quale i Clienti titolari di una fornitura luce e/o che abbiano inoltrato un reclamo al suo distributore, e non siano soddisfatti del suo esito, hanno la possibilità di registrarsi sul sito web creato appositamente dall'AEEG (Autorità per l'energia elettrica e il gas) e presentare una richiesta di conciliazione.

Se la richiesta va a buon fine, successivamente viene fissata una data per un'iniziale videoconferenza con un facilitatore: questo è il nome, della figura super partes scelta dall'AEEG per gestire la conciliazione.

Il raggiungimento di un accordo si prevede facile e piuttosto veloce, dato che la conciliazione sarebbe conclusa entro 90 giorni, salvo possibilità di proroga su richiesta congiunta delle parti non superiore a 30 giorni.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il nuovo sistema di conciliazione per le controversie di luce e gas - come funziona.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.