Contrordine: possiamo dormire sonni tranquilli!


Sulla difficile posizione delle banche interviene Silvio Berlusconi: «Gli italiani non perderanno i loro soldi» assicura il presidente del Consiglio. «Non consentirò attacchi speculativi alle nostre banche» aggiunge il premier da Napoli, dove si trova per un vertice sull'emergenza rifiuti.

Il Cavaliere, ovviamente, segue con preoccupazione la tempesta finanziaria che ha investito Wall Street e che sta producendo i suoi effetti anche sulla Borsa italiana.

Per questo, assicura, si impegna a lavorare per impedire attacchi ai nostri istituti di credito. Ma nello stesso tempo, promette che non saranno toccati i soldi depositati dagli italiani. «Non facciamoci prendere dalla paura e dal panico - aggiunge più tardi -. L'Italia è un popolo di risparmiatori, di gente concreta che lavora». Non ci sono elementi di preoccupazioni per il nostro Paese, ma chiaramente «sono preoccupato» per le possibili speculazioni.

1 ottobre 2008 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contrordine: possiamo dormire sonni tranquilli!. Clicca qui.

Stai leggendo Contrordine: possiamo dormire sonni tranquilli! Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 1 ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca