Contratto di locazione a canone libero

Il contratto di locazione a canone libero si basa sulla libera contrattazione del corrispettivo del Canone tra il locatore e il conduttore. Le modalità, invece, sono regolamentate.

Ha durata obbligatoria di anni 4 (+ 4 di rinnovo) e non ha alcun beneficio fiscale.

Le principali caratteristiche sono:

  1. entità del canone: libero;
  2. possibilità indicizzazioni annuali del canone fino al massimo del 100% dell'Istat Foi
  3. agevolazioni fiscali per il proprietario: nessuna (l'Irpef è calcolata non più sull'85% sul 95 % del canone percepito, Legge del 28 giugno 2012 numero 92 );
  4. è possibile la tassazione separata con la cd cedolare secca (si paga il 21% sull'intero canone e non si pagano imposte registro e bolli ma non vi è più la rivalutazione Istat)

Questo tipo di contratto, quindi, consente ai contraenti di svincolarsi da schemi predefiniti ed impone solo il rispetto di alcune clausole obbligatorie imposte dalla legge.

Il canone annuo è liberamente determinato dalle parti. La durata del contratto è di almeno 4 anni, con rinnovo automatico per ulteriori 4 anni.

Allo scadere dei primi 4 anni, il locatore può disdettare il contratto solo se ricorrono specifiche cause. I motivi devono però essere ben specificati nella lettera di disdetta.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contratto di locazione a canone libero.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.