L'informazione precontrattuale nei contratti di assicurazione contro i danni

Alcuni consigli da attuare nella fase precontrattuale nei contratti di assicurazione contro i danni: gli obblighi degli agenti di assicurazione e i doveri del consumatore.

L'agente di assicurazione deve proporre o consigliare il prodotto più adeguato alle esigenze del cliente, illustrando le caratteristiche essenziali del contratto e le prestazioni a cui è obbligata la compagnia di assicurazione. L'agente di assicurazione deve anche chiarire se offre il contratto in virtù di un obbligo verso una o più imprese assicurative, e in tal caso deve nominarle.

Diversamente, deve comunque comunicare che fornisce consulenza imparziale (indipendente), e che quindi è in grado di consigliare il cliente fondandosi su un numero sufficientemente ampio di contratti disponibili sul mercato. Anche se non ha obblighi verso alcuna compagnia, deve comunque comunicare l'esistenza di eventuali rapporti d'affari con una o più compagnie di assicurazione, nominandole.

L'intermediario deve inoltre consegnare al potenziale contraente documentazione con i dati propri anche relativi all'attività svolta, nonchè un documento che riassuma i propri obblighi di comportamento. Il potenziale contraente deve sottoscrivere la dichiarazione di aver ricevuto detta documentazione.

Relativamente al prodotto/o ai prodotti offerti al potenziale cliente va consegnato il cosiddetto fascicolo informativo che contiene le note informative e le condizioni contrattuali. I fascicoli informativi devono anche essere disponibili sui siti internet delle compagnie assicurative. Anche la pubblicità dei prodotti assicurativi deve sempre rimandare alla lettura del foglio informativo, ed indicare come accedervi.

Se il contratto viene venduto per telefono, la persona che chiama deve identificarsi (con nome e cognome oppure con un codice) e chiarire il suo rapporto con l'intermediario assicurativo, identificare quest'ultimo, chiarire il fine della chiamata, dare una descrizione delle principali caratteristiche del servizio o prodotto offerto, comprese le garanzie offerte, i massimali, il premio totale da pagare (imposte e oneri compresi).

Devono inoltre essere date informazioni finanziarie su tutti i costi previsti dal contratto, sulla sua durata minima e sul diritto di recesso, comprese istruzioni pratiche su come esercitarlo. Tutte le informazioni suddette devono in ogni caso essere fornite per iscritto, anche su supporto durevole (dischetto), entro 5 giorni dall'adesione telefonica.

Negli altri casi di sottoscrizione a distanza (via internet o con collocazioni fuori dai locali della compagnia di assicurazione) le informazioni precontrattuali devono essere fornite per iscritto prima dell'adesione.

Entro 5 giorni dall'adesione, in tutti i casi, deve essere consegnato il contratto da sottoscrivere.

Da notare che, in generale, per i contratti proposti a distanza (soprattutto per telefono) per l'eventuale attivazione del contratto occorre il consenso espresso del cliente. L'assenza di risposta o il mancato dissenso non possono essere considerati come consenso.

Non è regolare, inoltre, un contratto attivato senza che venga acquisita da chi lo propone (via internet, telefono o altro) ogni informazione utile a valutare l'adeguatezza del contratto offerto rispetto alle esigenze assicurative del cliente. Le offerte inerenti le assicurazioni danni valgono per 15 giorni dalla data di consegna o spedizione, estesi a 30 quando occorre una visita medica.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'informazione precontrattuale nei contratti di assicurazione contro i danni.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • bender 22 dicembre 2015 at 17:32

    Salve, la mia compagnia di assicurazione, per la liquidazione del furto del navigatore satellitare, mi richiede obbligatoriamente la fattura del nuovo navigatore da installare. Tale procedura è legittima o, come nel caso dei risarcimenti danni da sinistri stradali la compagnia è tenuta a pagarmi lo stesso (anche senza fattura, ovviamente non corrispondendomi l'iva)?

    • Simone di Saintjust 22 dicembre 2015 at 19:01

      L'assicurazione contro il furto del navigatore satellitare rientra nelle coperture rischi diverse dalla responsabilità civile auto che, come noto, è obbligatoria per legge. Pertanto le procedure per il rimborso dei danni subiti dal contraente sono lasciate alla libera contrattazione fra le parti. In particolare, vanno esaminate le clausole contrattuali che, di solito, dimezzano la franchigia dietro esibizione della fattura di riacquisto del bene assicurato oggetto di furto o in seguito a reinstallazione dello stesso presso centri convenzionati con la compagnia di assicurazione.