Reati tributati » Per la dichiarazione infedele scatta il sequestro del conto corrente anche basandosi su una mera presunzione fiscale

Scatta il sequestro del conto corrente per chi ha un alto tenore di vita ma è praticamente nullatenente per il fisco.

Nell'ambito dei reati tributari, le presunzioni fiscali possono essere utilizzate dal giudice, in sede di convalida della misura cautelare, per ottenere il sequestro del conto corrente del contribuente.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 39460/14.

Dura la vita per chi fa il nullatenente agli occhi del fisco ma, in realtà, ostenta ricchezza.

Da quanto si evince dalla pronuncia citata, chi dichiara un reddito modesto, ma tiene comunque un elevato tenore di vita, con spese di tutti i tipi come viaggi, ristoranti e auto, rischia il sequestro del conto corrente.

A parere degli Ermellini, infatti, le presunzioni fiscali possono essere utilizzate dal giudice in sede di convalida della misura cautelare del sequestro dei conti.

Ciò vuol dire, in parole povere, che può sussistere un filo che collega il giudizio di carattere tributario, il quale consente al fisco di avvalersi delle presunzioni di ricavi in nero, e quello penale, che invece porta al capo di imputazione più grave, ovvero quello di evasione fiscale.

Le prove portate a galla dall'Agenzia delle Entrate, anche se semplici presunzioni fiscali, possono essere usati nel giudizio di convalida della misura penale.

Ciò perché, anche se le presunzioni legali previste dalle norme tributarie non possono costituire di per sé fonte di prova della commissione del reato, è ormai noto il loro valore indiziario per dei dati di fatto che le sottendono.

Dunque, ben può essere fondata su di esse l'applicazione di una misura cautelare sul conto corrente dell'evasore fiscale.

29 settembre 2014 · Paolo Rastelli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

,

dichiarazione dei redditi, evasione ed elusione fiscale e contributiva - reati tributari ed abuso del diritto, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di fisco tributi e contributi

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su reati tributati » per la dichiarazione infedele scatta il sequestro del conto corrente anche basandosi su una mera presunzione fiscale. Clicca qui.

Stai leggendo Reati tributati » Per la dichiarazione infedele scatta il sequestro del conto corrente anche basandosi su una mera presunzione fiscale Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 29 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca