Accertamenti del fisco e multe per chi supera il tetto dei prelievi in contante dal conto corrente

Sono in arrivo accertamenti del fisco e multe per chi supera il tetto dei prelievi in contante dal conto corrente: facciamo chiarezza.

Come accennato, sono previsti nuovi limiti ai prelievi sul conto corrente: si torna a parlare dei prelievi di denaro contante dal proprio conto corrente e della nuova presunzione fiscale contro i contribuenti che prelevano oltre i limiti di prelievo dal conto corrente.

Ciò poiché una norma, contenuta in uno degli emendamenti di modifica al Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017, precisamente il Dl 193/2016, quello del condono Equitalia per intenderci, stabilisce dei nuovi limiti alle operazioni che le imprese possono effettuare sul proprio conto corrente oltre i quali scattano i controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Fino ad oggi la normativa sulla tracciabilità dei pagamenti già prevedeva un limite massimo per l'utilizzo del contante nella misura di 3.000 euro.

Ora una nuova norma inserita nel Decreto Fiscale 193/2016 collegato alla Legge di Bilancio 2017, più precisamente all'articolo 7 Quater, contiene nuovi limiti sui prelievi in contanti dal conto corrente.

A partire dal 1° gennaio 2017, pertanto, vengono introdotti nuovi limiti ai prelievi dal conto corrente, oltre i quali, le imprese, saranno oggetto di verifica da parte dell'Agenzia delle entrate.

La norma prevede che le soglie oltre le quali scattano i controlli sono:

  • Prelievi di denaro superiori a 1.000 euro al giorno;
  • prelievi di denaro superiori a 5.000 euro al mese.

Ma perché mettere un nuovo limite ai prelievi in denaro contante dal proprio conto corrente dal 2017?

L'intento del governo, in teoria, è quello ridurre l'evasione fiscale e arginare il “nero” che in Italia è un fenomeno molto diffuso, attraverso anche il controllo sui prelievi dei cittadini e delle imprese, e per chi supera le soglie dei nuovi limiti di prelievo, dovrà stare bene attento a tenere una apposita documentazione che spieghi come e perché siano state prelevate le suddette somme, se non vuole incorrere alle sanzioni.

I contribuenti, infatti, che supereranno i limiti di prelievo sul conto di 1000 euro al giorno o di 5 mila nel corso del mese, subiranno attenti controlli sul conto da parte dell'Agenzia delle Entrate proprio a causa del superamento delle soglie mensili o giornaliere e qualora non riuscissero a dimostrarne la legalità, si vedrebbero trasformare il prelievo in ricavo e quindi l'importo prelevato sarebbe a questo punto assoggettabile a tassazione.

Comunque, le nuove soglie di prelievo sul conto corrente 2017 riguardano tutte le imprese, imprenditori, commercianti, artigiani, etc.

Ad essere esclusi dalle nuove soglie 2017, sono i professionisti, in quanto per loro è in vigore una sentenza della Corte Costituzionale 228/2014 che li esclude dal regime stringente su pagamenti e prelievi.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamenti del fisco e multe per chi supera il tetto dei prelievi in contante dal conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamenti del fisco e multe per chi supera il tetto dei prelievi in contante dal conto corrente Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 21 novembre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca