Conto corrente cointestato » vantaggi e rischi

Quando tra due conviventi o coniugi vi è pieno accordo e massima fiducia, potrebbe sembrar quasi ovvio avere un conto corrente bancario cointestato permettendo ad entrambi di poter fare versamenti e soprattutto, prelevamenti con la massima libertà, attingendo all'intero deposito congiunto.

Bisogna però essere ben coscienti dei rischi che si possono correre gestendo un conto conto corrente bancario cointestato, specialmente se le somme depositate sono d'ingente entità.

E' stato affermato che, quando il marito (o la moglie) si allontana, magari successivamente allo sperpero del denaro del conto corrente, la banca si rivolge ad entrambi i contestatari del suddetto conto per farsi saldare il debito gravante e gli interessi.

Ma se uno dei due intestatari risulta assente e risulta introvabile,toccherà al cointestatario rimasto a saldare l'intero debito nei confronti dell'istituto bancario.

Naturalmente, chi paga ha il diritto di rivalsa nei confronti dell'altro cointestatario per la sua quota di debito, cosa molto improbabile da ottenere perchè, quest’ultimo, avrà preso le sue precauzioni, ammesso che si riesca a ritrovarlo.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su conto corrente cointestato » vantaggi e rischi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Gab 5 gennaio 2016 at 16:42

    Sono cointestataria di c/c e di finanziamento con il mio fidanzato e vorrei sapere come possiamo tutelarci a fonte di un decesso di uno di noi.

    • Annapaola Ferri 5 gennaio 2016 at 18:57

      Per quel che riguarda il conto corrente cointestato a firma disgiunta, il cointestatario superstite può prelevare l'intera disponibilità giacente, anche se rischia l'accusa di appropriazione indebita da parte degli eredi del cointestatario deceduto.

      In questo caso, tuttavia, gli eredi che ottenessero il 50% delle disponibilità in conto corrente sarebbero poi obbligati anche a corrispondere il 50% di ciascuna rata del finanziamento ancora in corso. Di solito, comunque, il prestito è associato ad una polizza assicurativa che copre il rischio morte di uno o di entrambi i contraenti.

      Mi sembra che entrambi siate abbastanza tutelati a fronte di un evento luttuoso.