Il conto corrente per l'accredito dello stipendio

Sono un giovanissimo lavoratore dipendente alle prime armi. Fortunatamente dispongo di un contratto a tempo indeterminato.

Il titolare della ditta dove lavoro, mi corrisponde lo stipendio tramite assegno.

Ogni volta, però, devo andare a farmelo cambiare direttamente in banca, che è situata dall'altra parte della città.

Ovviamente questo mi costa tempo e denaro in più.

Avrei pensato allora, di aprire un conto corrente.

Prima di procedere, però, vorrei avere dei ragguagli in merito, per capire se mi conviene.

Vorrei sapere, precisamente, cosa è un conto corrente?

Quali sono le principali tipologie di conto corrente?

Quali differenze ci sono tra il conto corrente normale e quello che privilegia l'operatività on line o self service?

Che cosa significa Internet banking?

Che documenti mi servono per aprire un C/C?

Quali sono i costi di un conto corrente?

Qual è la differenza tra saldo contabile e saldo disponibile?

Quali possono essere gli inconvenienti legati ad un saldo insufficiente?

Cosa è l'IBAN?

Quali sono i principali strumenti di pagamento collegati al conto corrente che posso utilizzare?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il conto corrente per l'accredito dello stipendio.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • amedeo2 16 dicembre 2014 at 09:59

    allora, riguardo alla risposta sul mio quesito di ieri ........mio padre è ancora in vita ma cosa si intende per temporanea liquidazione dei titoli? La banca vuole che io spenda 3-400 euro di spese notarili per il passaggio del denaro sul mi conto cosa che io vorrei evitare.........
    grazie

    • Annapaola Ferri 16 dicembre 2014 at 10:02

      La risposta immediata al suo quesito contempla la vendita dei titoli del padre, il passaggio del ricavato sul conto corrente del figlio tramite assegno o bonifico, l'eventuale riacquisto dei titoli.

      Era evidentemente come scoprire l'acqua calda, ma certo solo adesso lei riferisce l'esigenza di non voler far transitare denaro sul suo conto corrente.

      Purtroppo la banca non può trasferire quei titoli se non dietro esibizione di un atto notarile di donazione.

    1 2 3 4