Sono un italiano emigrato all'estero che ha scoperto di avere il libretto dormiente

Chiedo il vostro aiuto: sono un emigrato che ha scoperto di avere il libretto dormiente e non so come sbloccare i miei soldi.

Mi spiego, ero andato all'ufficio postale italiano a giugno per cambiare il vecchio libretto cartaceo con quello computerizzato. Il direttore mi consegnò alcuni documenti da compilare per l'operazione e richiese il vecchio libretto che io, in quel momento, non avevo con me.

A dicembre ho consegnato libretto e i documenti compilati, ma mi è stato detto che il mio libretto é dormiente e non si può fare niente… PERCHE' NON DIRMELO PRIMA?

Volete sapere la risposta? Il direttore non mi aveva detto niente in quanto pensava che l'operazione di accredito degli interessi sul libretto effettuata dall'ufficio nei sei anni precedenti potesse bastare a non far diventare dormiente il mio libretto…

Ora vi chiedo é vero che entro Marzo del 2009 posso richiedere i miei soldi alle poste?

Grazie per la Vostra attenzione, aspetto una gradita risposta.

Salvatore

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sono un italiano emigrato all'estero che ha scoperto di avere il libretto dormiente.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • ida 30 settembre 2011 at 16:27

    ho trovato dei libretti al portatore dei miei nonni: risalgono al 1950. Le banche mi hanno detto che non sono passati come "dormienti" in quanto sono al portatore. è ancora possibile fare qualcosa per riavere le somme?

    • dott.ssa Carla Benvenuto 30 settembre 2011 at 16:49

      Le ho risposto aggiornando l'articolo con una interrogazione parlamentare del senatore Lannutti. La legga e si faccia un'idea.

    1 65 66 67