Consolidamento debiti – estinguere i vecchi debiti, unificare le rate e pagare di meno [Commento 6]

  • mauro consoli 27 agosto 2009 at 20:20

    In un periodo di crisi come l'attuale trova sempre più riscontro l'operazione di consolidamento dei debiti.

    Cosa è il consolidamento dei debiti

    Il consolidamento dei debiti è un tipo di finanziamento utile quando si hanno più prestiti o mutui accesi. Con il consolidamento dei debiti infatti tutti i precedenti finanziamenti vengono accorpati in un unico nuovo prestito. Quindi si chiudono i vecchi finanziamenti e se ne apre uno nuovo con un nuovo piano di ammortamento. Per esempio supponiamo di aver contratto un prestito per l'auto e uno per i mobili di casa, il primo con valore residuo di 10.000, il secondo di 5.000 euro. Potremo chiudere entrambi i prestiti, e aprirne uno nuovo da 15.000 euro.

    Caratteristiche del consolidamento dei debiti

    Il consolidamento può prendere la forma di:

    * prestito di consolidamento;

    * mutuo di consolidamento.

    Si ricorre al secondo caso quando l'importo del finanziamento è elevato (oltre 30-50.000 euro). Il prestito di consolidamento può esser fatto con un normale prestito o con la cessione del quinto; per il mutuo di consolidamento ovviamente si ricorre ad un mutuo per cui occorrerà ipotecare un immobile di proprietà.

    Per ricorrere al consolidamento del debito occorrono anzitutto i normali documenti richiesti per la domanda di finanziamento:

    * documento di identità
    * codice fiscale
    * dichiarazione dei redditi e ultima busta paga se dipendenti.

    Inoltre occorre fornire i dati, in particolare il debito residuo, dei prestiti che si intende chiudere con il consolidamento dei debiti.

    I vantaggi del consolidamento del prestito

    I vantaggi nell'operazione di consolidamento dei prestiti sono molteplici:

    1) maggiore comodità e controllo: si paga una sola rata invece che più rate con diverse scadenze e magari a diversi beneficiari;

    2) risparmio di costi: si risparmia già solo sul fatto di effettuare un solo pagamento, sia la commissione di incasso rata che sull'eventuale spesa di bonifico;

    3) riduzione della rata: si può ridurre il totale da pagare allungando la durata del prestito ma anche grazie a tassi di interesse che possono essere mediamente vantaggiosi (per esempio se abbiamo sottoscritto un mutuo quando avevamo uno stipendio nettamente inferiore all'attuale o se avevamo acceso un mutuo in un periodo di tassi alti);

    4) aumento dell'importo erogato: con il consolidamento dei prestiti è possibile ottenere un importo aggiuntivo rispetto ai prestiti chiusi.

1 4 5 6 7 8 10

Torna all'articolo