Condono delle multe per divieto di sosta

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Dal 1946 ad oggi in Italia tutto è stato condonato o amnistiato, tranne le contravvenzioni per divieto di sosta. O il Legislatore si è dimenticato o le multe per divieto di sosta sono considerate socialmente più pericolose delle rapine, degli stupri, delle corruzioni e dello spaccio di droga.

L'economia italiana è cresciuta sulle automobili, che ognuno di noi, per una serie di necessità, è stato costretto ad acquistare. All'aumento del parco macchine non è corrisposto l'adeguato aumento delle strutture (con particolare riguardo ai parcheggi).

Oggi l'automobilista è abbandonato a se stesso, penalizzato dal traffico, dai vigili, dalle assicurazioni, dall'aumento della benzina e dai Comuni, che hanno nelle contravvenzioni per divieto di sosta la maggiore entrata dei loro bilanci. Il Consumatore non sa quante multe deve pagare. I Comuni non sanno più quante multe devono incassare.

Perchè non condonare anche le multe, o almeno quelle per divieto di sosta?

Per fare una domanda sul ventilato condono delle multe per divieto di sosta, su multe e ricorsi in genere e su cartelle esattoriali originate da multe clicca qui.

1 luglio 2008 · Giuseppe Pennuto

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.