Il fallimento personale del debitore consumatore - Approvazione del concordato con i creditori

Dalla lettura del decreto sembrerebbe che la partecipazione dei creditori alla fase di approvazione e di omologazione del concordato si perfezioni in due fasi e con due differenti modalità.

La prima è quella indicata all'articolo 6, ed è preordinata al raggiungimento del concordato con i creditori. E' in questa occasione che viene richiesta la manifestazione del consenso sul concordato con i creditori originario o eventualmente modificato. La relativa comunicazione può pervenire all'organismo di conciliazione della crisi previsto dall'articolo 10 con le medesime modalità alternative previste per la comunicazione della fissazione dell'udienza.

Il decreto dispone, sin da questa fase, della sorte del concordato con i creditori nel caso in cui non si adempia, nel termine previsto, al pagamento dei debiti vantati dalle pubbliche amministrazioni o dagli enti previdenziali (“L'accordo con i creditori è revocato di diritto se il debitore non esegue integralmente, entro novanta giorni dalle scadenze previste, i pagamenti dovuti alle amministrazioni pubbliche e agli enti gestori di forme di previdenza e assistenza obbligatorie” - articolo 6, comma 5)

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info



Cerca