Con i debiti la famiglia va a pezzi

Titolo di quotidiano: la famiglia motore della ripresa, ma s’indebita sempre di più e la ripresa è drogata da un motore non autosufficiente. Quindici giorni prima avevamo letto: un italiano su due non va in ferie, e mica per scelta.

Come fa la famiglia a essere motore di ripresa? E infatti gli operatori turistici già piangono miseria. La faccenda però è seria. È vero, si è passati a far “buffi” per tirare avanti. Li fa chi ha un lavoro, figurarsi quelli che non hanno neppure lo stipendio. Li fanno per continuare a campare e comprare, per consumare. I sacrifici non sono più di moda. E poi il meccanismo di questa società è perverso: per funzionare e andare avanti ha bisogno di produrre, ma per sopravvivere deve riuscire a smerciare ciò che produce, quindi indurre i consumi, altrimenti si ferma.

E per star dietro al meccanismo tocca indebitarsi, perché quel che entra in tasca basta a malapena per tre settimane e la quarta necessitano prestiti per arrivare a fine mese. Ora aspettiamo i rilevamenti Istat per scoprire che ci si indebita per consumi di prima necessità, come pane, pasta, olio e si taglia via il superfluo.

Ma cos’è il superfluo, ormai? Difficile definirlo. Tanto più che nelle scorse settimane i dati diffusi sui consumi culturali degli italiani ci hanno fatto scoprire un'Italia che va al cinema, a teatro, ai concerti e acquista biglietti in gran quantità. Consumi tout court. E allora i conti non tornano proprio più. Quel che è certo è che la famiglia è a pezzi per vari motivi, non ultimo quello economico.

E c'è chi ancora spera di poterne fare il fulcro della società. Ma come può esserlo senza autonomia economica? Gran guazzabuglio l'Italia.

Alberto Ferrigolo, giornalista

10 novembre 2007 · Antonio Scognamiglio

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su con i debiti la famiglia va a pezzi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.