Comunione di un bene » scioglimento

La comunione, quindi, può essere sciolta: sono assolutamente eccezionali i casi in cui ciò non sia possibile (un esempio, codificato, è quello delle parti comuni del condominio).

È da precisare, infatti, che qualora un bene non sia, in effetti, divisibile, è comunque possibile per ciascun soggetto ottenere l'assegnazione di tutto il bene, rimborsando all'altro comproprietario (o a più di uno) la somma di denaro equivalente.

Un tanto si ottiene facendo ricorso al giudice, il quale (in estrema sintesi), lo fa stimare da un soggetto terzo.

Ciascun comproprietario, poi, può chiedere l'assegnazione, versando il denaro all'altro.

Se nessuno ne chiede l'assegnazione, il bene viene venduto e si divide il denaro ricavato; se tutti ne chiedono l'assegnazione, viene attribuito a uno per sorteggio.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su comunione di un bene » scioglimento. Clicca qui.

Stai leggendo Comunione di un bene » scioglimento Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria comunione e separazione dei beni fra coniugi - beni indivisi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info