Composizione nucleo familiare ai fini Isee

Come è composto il mio nucleo familiare

Io ed il mio compagno abbiamo un figlio insieme. Lui ha la residenza presso la mia abitazione, ma ha lo stato di famiglia indipendente, ciò né io e né mio figlio siamo presenti sul suo stato di famiglia.

Vorrei capire come è composto il mio nucleo familiare.

Se posso presentare da sola il modello ISEE per la riduzione della mensa scolastica e fare richiesta all'INPS per gli assegni familiari.

Il suo nucleo familiare è costituito da lei e da suo figlio

Stante l'attuale situazione anagrafica, il suo nucleo familiare è costituito da lei e da suo figlio. Il padre del bambino non ne fa parte, in quanto il nucleo familiare del suo compagno è costituito solo da sé stesso.

Devo tuttavia rilevare che la scheda anagrafica, così com'è al momento registrata, presenta profili di anomalia ed è, presumibilmente, il risultato di una situazione storica. All'epoca del secondo trasferimento di residenza, il bambino, probabilmente, non era ancora nato o non è stato denunciato il vincolo di parentela esistente fra il bambino e ciascuno dei due coinquilini.

Non è ammessibile, cioè, l'esistenza di due famiglia anagrafiche conviventi quando sussistano vincoli affettivi e di consanguineità fra i componenti dell'una e dell'altra. Il padre del bambino ha vincoli affettivi e di parentela con il figlio naturale riconosciuto.

Le due famiglie anagrafiche dovrebbero essere allora riunite, per darne luogo ad una sola. E' un problema che la riguarda da vicino, in quanto le potrebbero essere successivamente contestati i benefici a cui potrebbe accedere in seguito alla presentazione di una DSU/ISEE (mensa scolastica) in cui riporta un nucleo familiare (quello formato da lei e da suo figlio) che trae origine da una situazione anagrafica anomala e non corretta.

Per gli assegni familiari ANF, la composizione del nucleo familiare ai fini ISEE è praticamente ininfluente.

19 settembre 2012 · Simonetta Folliero

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su composizione nucleo familiare ai fini isee.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • cenerentola 29 settembre 2012 at 18:42

    Ho venduto la mia casa, comprata con le agevolazioni della prima casa ma in cui non avevo residenza, prima dei cinque anni, peciò per non dover pagare la differenza d'iva, la mora ecc mi sono ritrovata a dover acquistare il 50% dell'abitazione dei miei genitori sempre nello stesso comune. Il notaio e il commercialista mi hanno detto che devo per forza trasferire la mia residenza fiscale presso la casa dei miei.

    Quando sono andata allo sportello dell'anagrafe il dipendente comunale mi ha detto che trasferendo la residenza nella casa dei miei genitori non posso mantenere nucleo a parte ma rientro di nuovo in quello dei miei perchè siamo consanguigni. Eppure io sono sposata e fra un mese sarò neomamma. Mi chiedo se l'informazione avuta sia corretta, esco dal nucleo formato con mio marito? cosa comporta ai fini fiscali per me, mio marito e i miei genitori? e per il piccolo in arrivo? i miei sono in pensione e io sono economicamente indipendente. Inoltre, per quanto tempo devo mantenere la residenza presso i miei prima di poterla di nuovo trasferire presso mio marito? resta sott'intenso che in realtà io continuo ad abitare insieme a mio marito! Esiste un'altra soluzione? cioè avere residenza presso i miei ma restare nel nucleo familiare con mio marito che ha residenza nello stesso comune ma in altra casa?
    oppure, con la residenza a casa dei miei, posso creare nucleo a parte solo con mio figlio quando sarà nato? cosa mi conviene ai fini fiscali?

    • Annapaola Ferri 30 settembre 2012 at 07:14

      La soluzione già esiste. Peccato solo che l'impiegato all'anagrafe non ne sia a conoscenza, procurandole ansie non necessarie.

      Lei acquisisce residenza presso i suoi genitori ed entra a far parte della famiglia anagrafica (stato di famiglia) dei suoi genitori. Punto.

      Il nucleo familiare ISEE è altra cosa. Due coniugi non conviventi possono scegliere la residenza coniugale ai fini ISEE.

      Se scelgono quella della moglie, del nucleo familiare ISEE faranno parte moglie, marito, eventuali figli della coppia e tutti i componenti dello stato di famiglia della moglie.

      Se scelgono quella del marito, del nucleo familiare ISEE faranno parte moglie, marito, eventuali figli della coppia e tutti i componenti dello stato di famiglia del marito, se ve ne sono.

      La scelta più favorevole ai due coniugi si esercita implicitamente quando si compila la DSU ISEE.

      Con la sola attenzione che le Dichiarazioni Sostitutive Uniche siano coerenti. Cioè, i componenti del nucleo familiare determinato implicitamente dalla scelta della residenza coniugale dei due coniugi dovranno presentare DSU che includano nel proprio nucleo familiare anche i due coniugi e gli eventuali figli.