Composizione delle crisi da sovraindebitamento - I presupposti di accesso alla procedura

Come abbiamo accennato in apertura, la legge numero 3/2012 ha previsto tre possibili procedimenti di composizione della crisi da sovraindebitamento. In dettaglio:

  1. l'accordo con i creditori;
  2. il piano del consumatore;
  3. la liquidazione del patrimonio del debitore.

Mentre il consumatore può scegliere, ai fini della composizione della crisi, se ricorrere alla proposta di accordo con i creditori ovvero alla proposta di un piano di ristrutturazione dei debiti, il debitore (professionista) non consumatore può fruire soltanto della proposta di accordo con i creditori.

Sia per i consumatori, che per i professionisti e gli imprenditori, è prevista l'alternativa di liquidazione del patrimonio.

La proposta di composizione della crisi da sovraindebitamento non è ammissibile quando il debitore, anche consumatore, nei precedenti cinque anni è incorso nell'annullamento e risoluzione dell'accordo con i creditori oppure nella revoca e cessazione degli effetti dell'omologazione del piano del consumatore.

Ancora, la proposta di composizione della crisi da sovraindebitamento non è ammissibile quando il debitore fornisce documentazione che non consente di ricostruire compiutamente la sua situazione economica e patrimoniale.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su composizione delle crisi da sovraindebitamento - i presupposti di accesso alla procedura.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.