Come sposare un Briatore

Con il fatidico "sì", il vero Briatore si è tolto dalle scene e non è più accalappiabile. Pertanto, tutte le signorine single e di belle speranze dovranno concentrare altrove i loro interessi. Non è facile trovare un milionario e ancor più difficile è trovare un milionario disposto a sposare.

Poniamo tuttavia di aver individuato il milionario da portare all'altare. Come fare per attirare la di lui attenzione? Ebbene, il Times viene in soccorso, pubblicando una guida su come conquistare il gallo dalle uova d'oro in poche mosse. Il prestigioso quotidiano britannico ha fatto anche di più: ha preparato un vademecum ironico che prevede anche una serie di regole per uomini, alla ricerca della donna economicamente ben messa.

" I TRUCCHI - Allora, prendete nota. Innanzitutto, il trucco principale sta nel frequentare “la preda” e questo significa andare negli stessi locali, incontrarla al “club” (di tennis, di golf, di bridge…), frequentare eventi VIP come aperture di gallerie d'arte, prime a teatro e così via. Si deve, in sostanza, introdursi nella sua quotidianità, magari traslocando per vivere nella sua area (anche uno sgabuzzino va bene, in modo che possiate incontrare la preda al bar “casualmente” per un caffè). A questo proposito è utile, secondo il Times, introdursi nel circolo locale di vecchiette ricche e potenti, costringendole a includervi nei loro party, dove dovranno presentarvi i loro figli, nipoti, parenti e conoscenti ricchi.

INVESTIMENTI SUL FISICO - Naturalmente, sottolinea il Times, bisogna essere attraenti a sufficienza per essere notate dal miliardario single, quindi si consigliano grossi investimenti in miglioramenti del proprio fisico ma anche (soprattutto se siete uomini) della propria mente. Se si è sufficientemente disponibili, attraenti e visibili, il miliardario, prima o poi, sarà vostro. Ma, il giornale avverte: è dopo averlo accalappiato che il gioco si fa duro. «Un uomo straricco, se si è fatto da solo, ha dovuto attraversare periodi estremamente difficili che possono averne brutalizzato lo spirito. Un riccastro “self-made” conosce il valore dei soldi e si aspetta di ottenere qualcosa quando paga». Questo significa che se vi sposate con un paperone, dovete aspettarvi poi di fare ciò che vuole. Ovvero di rientrare in una taglia 42 poche settimane dopo aver partorito i suoi gemelli, di accompagnarlo a noiosissime cene con ottuagenari ricchi anche se avete voglia di passarvi la serata davanti alla TV, di “comprendere” le sue scappatelle con giovani signorine poco più che adolescenti. Non tutte sono capaci di questo."

Fonte: Corriere.it

Non è certamente un'impresa da poco riuscire in tutto questo. E' una sorta di secondo lavoro o, come direbbero gli Inglesi, "hard work". Esiste, tuttavia anche il caso opposto: il maschio alla ricerca della gallina dalle uova d'oro. Anche per lui non mancano i consigli del Times:

"UOMINI D'ASSALTO - Per l'uomo che ha invece catturato la donna ricca e sola ci sono poi avvertenze specifiche: dopo il flirt con il maestro di tennis o l'istruttore di sub, la donna ricca e in carriera vuole qualcosa di più, ovvero un uomo che sia presentabile, interessante e che sia degno di essere il futuro padre dei suoi figli. Quindi i muscoli e la tintarella color cuoio non basteranno più. Se comunque la cosa vi ispira, il quotidiano pubblica anche una lista di donne giovani e ricche e una di uomini forse meno giovani ma altrettanto ricchi con cui tentare la sorte."

Non è certamente un'impresa da poco riuscire in tutto questo. E' una sorta di secondo lavoro o, come direbbero gli Inglesi, "hard work". Esiste, tuttavia anche il caso opposto: il maschio alla ricerca della gallina dalle uova d'oro. Anche per lui non mancano i consigli del Times:

"UOMINI D'ASSALTO - Per l'uomo che ha invece catturato la donna ricca e sola ci sono poi avvertenze specifiche: dopo il flirt con il maestro di tennis o l'istruttore di sub, la donna ricca e in carriera vuole qualcosa di più, ovvero un uomo che sia presentabile, interessante e che sia degno di essere il futuro padre dei suoi figli. Quindi i muscoli e la tintarella color cuoio non basteranno più. Se comunque la cosa vi ispira, il quotidiano pubblica anche una lista di donne giovani e ricche e una di uomini forse meno giovani ma altrettanto ricchi con cui tentare la sorte."

Volendo sintetizzare, questo è quanto deve fare una donna a caccia di un milionario:

- lezioni private di tennis, golf e bridge (possibilmente corsi intensivi accellerati, prima di superare l'età oltre la quale è impossibile la conquista)
- ripetizioni di Storia dell'Arte (saranno sufficienti i primi rudimenti, giusto per non confondere un impressionista con un dadaista)
- mini corso sulla storia del teatro (solo lo stretto necessario per distinguere una commedia da una tragedia)
- lezioni di autocontrollo (nel pacchetto "sposo un milionario" è compresa la capacità di sopportazione della mamma)
- corso accellerato di economia domestica (basi per fingere di saper stirare, cucinare, fare il bucato e far di conto, nella speranza che il milionario deleghi tutte le incombenze al personale di servizio)
- lente d'ingrandimento dotata di allarme, che si attiva al primo accenno di smagliatura, cellulite o foruncolo (la minima imperfezione è un ostacolo insormontabile ai fini della conquista)
- seminario per apprendere l'arte del fingere di saperne sempre meno di lui
- corso intensivo per apprendere l'arte del lasciargli sempre l'ultima parola

Per l'uomo a caccia di una donna ricca, la questione è relativamente semplice. Sarà sufficiente la consapevolezza che il mondo gira attorno alla preda-femmina. Il maschio deve solo comportarsi di conseguenza.

Per entrambi i sessi, vale la seguente regola: sulle pareti di casa non appendere attestati di studio. Per lui è illuminante la stampata del saldo del conto corrente; per lei la dichiarazione del chirurgo plastico che attesti che il fisico è perfetto, tagliandato per almeno 10 anni.

Meditiamo ...

di Patrizia Speroni

da TicinoNews

17 giugno 2008 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.