Debiti » Mai sottrarsi al dialogo con il creditore e quando è possibile giocare d'anticipo

Contattare la banca o la finanziaria, anche per scritto, prima che il problema esploda e prima di essere moroso, prima cioè di macchiare la propria storia creditizia. Le racconto un aneddoto: una mia vecchia compagna di scuola mi contattò tempo fa perché aveva timore, dopo la separazione col marito, di non essere più in grado di far fronte al mutuo e a un finanziamento personale. Era in pari con le rate, ma le aveva pagate con ritardo e la situazione era in peggioramento. Aveva provato a vendere la casa e trovato anche l'acquirente giusto che però non era riuscito ad ottenere il mutuo dalla sua banca e quindi aveva mandato a monte l'acquisto dell'immobile. Le ho consigliato di contattare la direzione crediti della banca erogante il mutuo, (quindi la sede di Milano e non la filiale di Livorno) e spiegare bene tutta la situazione. La banca le ha immediatamente abbassato la rata per sei mesi e dato fiato, non solo ha fatto prendere in esame la richiesta di mutuo del potenziale acquirente dalla filiale livornese, ed il mutuo è stato concesso. Quindi l'immobile veduto, e la mia ex compagna di scuola liberata da un peso insostenibile, con una storia creditizia non intaccata (non ha subito segnalazioni in centrale rischi) ha potuto ripianare l'altro debito, acquistare una casa più piccola versando un congruo acconto e sulla rimanenza ha fatto un piccolo mutuo con una rata molto leggera.
Le situazioni si debbono prevenire e, soprattutto, gestire.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti » mai sottrarsi al dialogo con il creditore e quando è possibile giocare d'anticipo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.