Debiti buoni e debiti cattivi - sfatiamo alcuni miti: il mutuo non è un debito buono

Ogni debito non strategico è un debito cattivo: sono tendenzialmente debiti cattivi tutti quei debiti non produttivi di cash flow, di ritorni economici. Mentre sono debiti buoni quei debiti finalizzati a procurarsi un ritorno positivo.

Indebitarsi per acquistare un immobile da mettere a reddito è sicuramente un debito buono se la rata dell'affitto è superiore a quella del mutuo e quindi produce un cash flow positivo, cioè entrate liquide costanti. Indebitarsi per acquistare un'auto con la quale si lavora e magari si percepisce un rimborso spese chilometrico, è ancora un debito buono. Ma vogliamo parlare del mutuo per la propria abitazione? Per decenni ci hanno fatto credere che quello è lo stereotipo del “debito buono”.

Che l'acquisto della propria casa fosse un investimento perfetto, destinato sempre a rivalutarsi nel tempo e quindi un ottimo affare. Poi nel 2008 ci siamo svegliati e, abbiamo scoperto che i prezzi delle case, come ogni altro bene, sono soggetti a oscillazioni e che di fatto la casa può valere la metà di quanto la stiamo pagando. Nel frattempo si è anche scoperto che spese straordinarie come facciate, tetto, impianti ecc. sono a carico del proprietario e che queste spese vanno sommate alla rata del mutuo. Ma non solo, la tassazione sulla casa, per quanto schizofrenica, è sempre presente e le tasse comunali sull'immobile e sulla spazzatura, che si chiamino ICI, ISI, IMU, TASI, TARSU, ecc. ci sono sempre e vanno sommate alle spese condominiali (ordinarie e straordinarie) e alla rata del mutuo. Conclusione? Mica vero che tutte queste spese sono equivalenti all'affitto mensile. E anche se lo fossero, la liquidità persa inizialmente per dare l'anticipo, mette molte famiglie nell'impossibilità di affrontare un imprevisto o sostenere anche pochi mesi senza lavoro.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info



Cerca