Gli elenchi dei cattivi pagatori nelle centrali rischi

Come funzionano gli elenchi dei cattivi pagatori

Gli elenchi dei cattivi pagatori anche conosciuti come Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC)  raccolgono informazioni sui contratti di finanziamento che gli istituti finanziari stipulano con i propri clienti. Gli istituti finanziari contribuiscono volontariamente ai Sic, trasmettendo ad essi, ogni mese, tutte le informazioni sulle richieste di finanziamento e sulle vicende che si verificano nel corso della durata dei finanziamenti erogati (ad esempio, la regolarità nel rimborso delle rate o il ritardo nei pagamenti).

Le informazioni contenute  negli elenchi dei cattivi pagatori vengono perciò aggiornate nel momento in cui, ad esempio, il signor Rossi chiede alla banca un nuovo finanziamento; ma anche ogni mese, quando l’istituto finanziario segnala ai Sic se il signor Rossi ha pagato puntualmente la sua rata, se ha saldato eventuali debiti pregressi o se ha estinto il rapporto di credito.

In base, quindi, all'andamento del piano di rimborso del finanziamento (puntualità nel pagamento delle rate oppure ritardi lievi o gravi), le informazioni contenute negli elenchi dei cattivi pagatori (SIC) si distinguono tra informazioni di tipo “positivo” e informazioni di tipo “negativo” (cattivo pagatore).

Perchè gli istituti finanziari hanno bisogno di consultare i dati contenuti negli elenchi dei cattivi pagatori

Il motivo è semplice: gli istituti finanziari verificano l’affidabilità creditizia del signor Rossi e il suo livello di indebitamento prima di decidere se concedergli o meno il finanziamento richiesto ed, eventualmente, le condizioni da applicare. Una corretta conoscenza della situazione creditizia rappresenta un vantaggio anche per il signor Rossi che, diversamente, dovrebbe sopportare costi maggiori e offrire maggiori garanzie.

L’istituto finanziario deve essere certo di potersi “fidare” del signor Rossi, e perciò ha bisogno di sapere come questi si è comportato in passato con altri istituti finanziari, ovvero deve conoscere la sua storia creditizia. In pratica se il signor Rossi è un buon pagatore o un cattivo pagatore.

Va inoltre detto che i dati dei Sic non sono le uniche informazioni che possono essere prese in considerazione per assumere tale decisione; alcune informazioni, quali il reddito e la situazione patrimoniale, vengono richieste direttamente al signor Rossi, mentre altre informazioni possono essere tratte da registri o elenchi pubblici (elenco dei protesti, informazioni dai registri dei tribunali uffici di pubblicità immobiliare, ecc.).

A prescindere dalle informazioni acquisite, è sempre l’istituto finanziario ad assumere in totale autonomia e in base alle proprie politiche interne la decisione di concedere o meno il credito.

Quali dati sono registrati negli elenchi dei cattivi pagatori

Possiamo distinguere le informazioni memorizzate nei Sic in due categorie, quelle di tipo anagrafico e quelle afferenti i contratti di finanziamento stipulati dal debitore. In particolare, abbiamo:

  1. informazioni di tipo anagrafico necessarie per l’identificazione del soggetto quali: nome, cognome, indirizzo, data e luogo di nascita, codice fiscale;
  2. informazioni relative alle richieste o ai rapporti di credito instaurati e sull’andamento del rimborso.

Riguardo al primo ritardo nei pagamenti da parte del signor Rossi, i Sic che trattano dati positivi e negativi registrano questa informazione, ma la rendono accessibile solo qualora il signor Rossi ritardi il pagamento:

Il signor Rossi, inoltre, deve essere informato dall'istituto finanziario che i suoi ritardi di pagamento stanno per essere registrati nei Sic e che, quindi, lui sta per essere classificato come un cattivo pagatore. Tale avviso deve essergli inviato almeno 15 giorni prima che i dati sul primo ritardo di pagamento vengano resi accessibili sui Sic.

Sulla base della distinzione operata tra informazioni creditizie di tipo positivo (che indicano cioè il pieno rispetto del piano di rimborso) ed informazioni di tipo negativo (che rilevano invece irregolarità nei rimborsi), si hanno sistemi positivi e negativi (che raccolgono cioè entrambi i tipi di informazioni) e sistemi solo negativi (che registrano invece i soli incidenti di pagamenti).

Per fare una domanda su come funzionano gli elenchi dei cattivi pagatori, sulla CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria, sugli altri Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) e sui cattivi pagatori accedi pure al forum

Per approfondimenti sui cattivi pagatori, consulta le sezioni tematiche del blog

6 luglio 2013 · Ornella De Bellis

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli elenchi dei cattivi pagatori nelle centrali rischi. Clicca qui.

Stai leggendo Gli elenchi dei cattivi pagatori nelle Centrali Rischi Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 6 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 28 febbraio 2017 Classificato nella categoria cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi e conseguenze Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca