La procedura di pignoramento del conto corrente

La situazione sembra in effetti alquanto compromessa: limitandosi al problema dell'apertura di un conto corrente in Italia, potrebbe avere qualche difficoltà ma alla fine dovrebbe riuscire a trovare una banca disposta ad aprirle il conto - magari provi con quelle più piccole - si scordi fin d'ora però carnet d'assegni, bancomat e quant'altro.

E' comunque possibile anche aprire un conto all'estero, ma se il Suo problema è solo quello di riscuotere eventuali compensi, glielo sconsiglio.. come Le sconsiglio di tenere su questo conto più dello stretto indispensabile, in quanto visti i debiti è sicuramente a rischio di pignoramento anche del conto corrente.

Il conto corrente pignorato, anche se vi fosse zero disponibilità, o anche un saldo passivo, diventa inutilizzabile. Un eventuale bonifico posteriore al pignoramento tornerebbe al mittente.

Se quindi questo ipotetico conto corrente fosse oggetto di pignoramento, non le resterebbe che aprirne un altro... e poi vediamo chi si stanca prima, se Lei o il creditore (con buona probabilità per quest'ultimo, che ogni volta, per il pignoramento del conto corrente, deve spendere per le necessarie procedure esecutive).

31 maggio 2011 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca