Come diminuire la rata del tuo mutuo e vivere felici

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Da più parti, replicando il nostro presidente del consiglio che è un inguaribile ottimista, si raccolgono inviti all'ottimismo. Pensando ai risparmiatori, miei interlocutori primari, mi è venuto in mente, sull'onda dell'ottimismo, il bel libro dal titolo “Come diminuire la rata del tuo mutuo e vivere felice” scritto da Alfonso Scarano, pubblicato da Aliberti e disponibile in tutte le librerie.

Nel suo libro, rivolgendosi ai mutuatari, Scarano invita all'attenta valutazione del bilancio familiare considerando, oltre alle spese correnti, le spese straordinarie alle quali, la famiglia, potrebbe trovarsi esposta. Propone, a tal fine, anche uno schema di facile uso domestico che consente di calcolare il proprio “margine di solvibilità” e, quindi, la rata di mutuo massima sostenibile.

Sviluppa il rapporto tra rata e interesse applicato distinguendo i due casi: tasso fisso e tasso variabile indicizzato all'euribor. Invitando le famiglie alla prudenza, tra l'altro osserva: “Non si pensi che eventuali effetti negativi di un aumento del tasso, possano essere recuperati integralmente con gli effetti positivi derivanti da una diminuzione del tasso”.

Per chi ama sollazzarsi con i numeri appare di particolare interesse il capitolo dedicato a capitale, interessi e montante. Il libro è alleggerito  da vignette dal taglio umoristico che ritraggono le fasi di contatto e trattativa tra il cliente e la banca.

Il consiglio è quello di comprarlo; costa 15,00 euro ma molte migliaia di euro potrebbero essere risparmiate imparando a correggere la propria rata di mutuo.

di Giannina Puddu da Affari Italiani.it

2 marzo 2009 · Piero Ciottoli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.