Controversie tra utenti e operatori di telefonia e internet - ricorso alla giustizia ordinaria

Se la conciliazione davanti al Corecom, o davanti ad altro organismo, non va a buon fine, o nel caso l'udienza non fosse fissata entro trenta giorni, si può procedere presentando istanza davanti al giudice di pace, per cause che valgono fino a 5.000 euro, o in tribunale per importi superiori.

Solo per chi ha concluso senza successo il tentativo di conciliazione può entro sei mesi, in alternativa alla giustizia ordinaria, proseguire la procedura per la definizione della controversia davanti all'Agcom o lo stesso Corecom. Definire la controversia significa che l'organo preposto (Agcom o Corecom) non si limita a fare da paciere, ma sentite le parti sentenzia su chi ha torto o ragione. In questa sede, però , non è possibile richiedere il risarcimento del danno, salvo gli indennizzi previsti da contratto o carta dei servizi.

Prima tale procedura era possibile solo presso la sede nazionale dell'Agcom.

Dal primo ottobre 2009 l'Autorità ha fornito le deleghe a tre Corecom regionali, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Puglia, per poter a loro volta definire nelle rispettive regioni la controversia.
Medesima delega hanno ricevuto pure Calabria, Lazio, Lombardia, Toscana, Umbria, e il Comitato provinciale di Trento.

Inoltre, la definizione della controversia presso l'Agcom (o Corecom abilitati) è possibile solo entro sei mesi dalla data dell'udienza di conciliazione (che non ha prodotto accordi o solo parziali), compilando ilFormulario GU14 da inviare per raccomandata A/R a Napoli, alla sede dell'Agcom. L'Autorità decide sui torti e le ragioni di utenti e gestori, la decisione è vincolante. Entro dieci giorni dalla presentazione dell'istanza l'Agcom fissa la data dell'udienza, comunque non prima di 15 giorni. Le parti possono depositare memorie e altra documentazione fino a 5 giorni prima dell'udienza. L'utente può intervenire personalmente o delegare altro soggetto (non necessariamente un avvocato).

La mancata presenza dell'utente non rende nulla l'istanza. In questo caso l'Agcom deciderà in base alla documentazione depositata. L'iter deve concludersi entro 150 giorni.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su controversie tra utenti e operatori di telefonia e internet - ricorso alla giustizia ordinaria. Clicca qui.

Stai leggendo Controversie tra utenti e operatori di telefonia e internet - ricorso alla giustizia ordinaria Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 4 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 11 dicembre 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - fonia adsl RAI e pay tv Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca