Tutto quello che c'è da sapere sulla pratica delle cinture di sicurezza » Un pò di storia

I primi tentativi erano stati quelli di Edward J. Claghorn, che alla fine dell'Ottocento aveva ideato un complicato sistema di cinghie e ganci per mettere al sicuro le persone tenendole ancorate a un oggetto fisso, forse non si riferiva solo alle neonate automobili, ancora non così diffuse, e da George Cayley.

In questo caso però sembra che la cintura fosse stata ideata più per i piloti in volo che per quelli su strada, visto che Cayley fu un famoso ingegnere aeronautico.

Dagli anni Trenta del Ventesimo secolo, poi, cominciarono a diffondersi i sistemi a due punti, da fianco a fianco del guidatore e poi da spalla a fianco, soprattutto sui modelli che gareggiavano nelle corse automobilistiche, dove la velocità era sensibilmente maggiore di quella raggiunta nelle strade cittadine.

Solo negli anni Cinquanta le cose cominciarono a cambiare, e divenne chiaro che la cintura di sicurezza poteva rivelarsi davvero preziosa per tutti i guidatori, non solo quelli professionisti, tanto che la Ford nel 1955 la mise a disposizione come optional, e la Saab invece iniziò a montarli di serie.

Poi, a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, arrivò la moderna cintura a tre punti di Bohlin, prima adottata dalla Volvo in Svezia e poi sbarcata anche oltreoceano.

Ci sarebbe voluto però ancora del tempo perché indossarla fosse obbligatorio: il primo paese a farlo per legge fu l'Australia, nel 1970.

In Italia, invece, qualche anno più tardi.

Questo essenziale strumento di sicurezza deve essere utilizzato da tutti, conducente e passeggeri dei veicoli adibiti a trasporto sia di persone che di merci.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tutto quello che c'è da sapere sulla pratica delle cinture di sicurezza » un pò di storia.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.