Sfida fra registi per il film su Yunus, "banchiere dei poveri" e inventore del microcredito [Commento 1]

  • Mariano Primoli 25 settembre 2008 at 20:02

    LINA WERTMULLER IN COSTIERA AMALFITANA, SCENE DI UN FILM NATO DAL BANCHIERE DEL MICROCREDITO

    La famosa regista cinematografica, tra l´altro autrice del film “Ninfa Plebea” tratto dal libro di Domenico Rea che meritò il premio Strega, girerà in costiera amalfitana alcune scene di "Mannaggia La Miseria" il suo ultimo film, diverse le location fra Positano, Amalfi e Ravello studiate fra queste uno degli angoli di Conca dei Marini ha incantato Lina Wertmuller che ha scelto lo scenario di S. Giovanni Battista. E´ Mannaggia alla miseriaProdotta dalla Titania di Ida Di Benedetto e scritta dalla regista con Ivan Cotroneo e la collaborazione di Tiziana Masucci, la pellicola prende spunto dall´esperienza di Muhammad Yunus, economista e banchiere bengalese inventore del sistema di microcredito. "La storia parte da tre studenti, laureati in economia, che al ritorno da un viaggio nel paese dove è nata l´innovazione di Yunus, decidono di creare la stessa cosa a Napoli - racconta la produttrice in un´intervista a ´Il Mattino´ - E qui comincia l´avventura, tra favola e realtà, con episodi duri, tragici, ma anche altri esilaranti, con il coinvolgimento delle varie famiglie dei giovani che hanno estrazione sociale diversa". Nel cast ci saranno molti attori napoletani, oltre a Sergio Assisi e Gabriella Pession, coppia lanciata proprio dalla Wertmuller in Ferdinando e Carolina. "Le location degli esterni sono tutte a Napoli e il film non ha il budget canonico del tv-movie, perciò sto bussando a tutte le porte, sia di Rai Cinema che di Rai Fiction per farci aiutare - spiega la produttrice - Tutti noi ci auguriamo che Mannaggia alla miseria esca prima nelle sale e poi in tv". Saranno solo alcune scene girate in Costiera Amalfitana, la Wertmuller viene di recente dalla Puglia dove ha fatto il casting e sta andando avanti in uno dei suoi progetti cinematografici più interessanti

Torna all'articolo