Chargeback e opzioni disponibili per l'issuer

A questo punto l'issuer può decidere alternativamente di:

  1. accettare la richiesta e addebitare l'importo sul conto del merchant;
  2. reintrodurre la procedura di chargeback, fornendo la documentazione atta a giustificare il motivo per cui non può procedere al rimborso.

Il 50% di tutte le richieste di chargeback interessano transazioni via internet.

In caso di transazioni fraudolente, laddove venga esclusa qualsiasi responsabilità da parte del titolare nell'uso della carta, gli importi relativi vengono in genere riaccreditati dalla società emittente.

I tempi per un rimborso variano in genere dai tre ai sei mesi circa.

A volte può capitare che la società ritenga il titolare responsabile dell'uso fraudolento della carta e decida di negare lo storno.

17 settembre 2013 · Giovanni Napoletano

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su chargeback e opzioni disponibili per l'issuer.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.