Frodi online » Il chargeback

Chargeback è il termine tecnico usato dai circuiti internazionali di carte di pagamento che indica una modalità attraverso cui vengono gestiti i movimenti soggetti a contestazioni da parte dei titolari di carte di credito.

Un chargeback ad esempio si verifica quando il titolare chiede alla società emittente della carta di credito il rimborso di una transazione già avvenuta.

I motivi più frequenti per i quali viene contestata una transazione sono:

  • Transazione non riconosciuta : è la situazione più comune, il titolare non riconosce uno o più movimenti elencati nell'estratto conto (transazioni fraudolente o errori tecnici)
  • Il titolare non riceve la merce acquistata
  • Il titolare riceve merce non conforme alla descrizione, difettosa etc.

Affinché la procedura di chargeback prenda il via, il titolare della carta deve inviare all'emittente via raccomandata, entro 60 giorni dalla data di emissione dell'estratto conto una contestazione scritta e firmata, allegando copia dell'estratto conto contestato e copia fronte-retro della carta di credito.

Se si è certi che si tratta di una frode, come già detto, bisogna allegare anche una denuncia contro ignoti effettuata presso le Autorità competenti.

La procedura tecnica di chargeback interessa esclusivamente due parti: l'issuer (banca emittente) e l'acquirer (banca dell'esercente).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su frodi online » il chargeback.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.