Cessione quinto e pignoramento dello stipendio

Mai fare debiti per pagarne altri: mai dispensare a pioggia i pagamenti rateali quando la situazione è diventata ormai economicamente insostenibile. Non serve a nulla, così come non serve a noi scriverlo. Frasi scritte sulla sabbia in una giornata ventosa ...

Lei deve fermarsi, tirare un profondo respiro e smettere di pagare. Reiterare i pagamenti potrebbe nuocere alla sua salute.

Le arriverà un decreto ingiuntivo, le sarà notificato un precetto e pignorato un quinto dello stipendio base.

Ogni mese, riceverà una retribuzione tagliata dei due quinti:uno per la cessione quinto ed un altro quinto per il pignoramento.

Se è ancora giovane, visto che ci riferisce che i finanziamenti sono di lunga durata, vedrà l'ultima trattenuta sulla pensione. Altrimenti i suoi debiti saranno un problema che riguarderà gli eredi eredi e non lei.

Certo, non sarà più considerato un pagatore buono, ma uno cattivissimo. Pazienza: altro, purtroppo, non c'è da fare.

15 ottobre 2012 · Annapaola Ferri

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cessione quinto e pignoramento dello stipendio. Clicca qui.

Stai leggendo Cessione quinto e pignoramento dello stipendio Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 15 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria pignoramento - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca