Il ruolo del datore di lavoro nella cessione del quinto

Il coinvolgimento del datore di lavoro, o dell'ente di previdenza in caso di pensionati, è indispensabile in quanto questi trattiene le rate e le versa mensilmente all'ente erogatore del finanziamento, fino all'esaurimento del debito.

Il datore di lavoro è obbligato ad accettare una richiesta di cessione del quinto da parte di un dipendente e non è necessario il suo consenso ai fini della validità del finanziamento.

Una volta sottoscritto il contratto di finanziamento, il datore è quindi tenuto a trattenere la rata indicata nel contratto stesso dalla busta paga del dipendente e a versarla all'ente erogatore.

Questo obbligo sussiste fino a quando c'è una busta paga su cui addebitare la rata.

Quindi, solo nell'ipotesi in cui il dipendente notifichi al proprio datore di lavoro la cessione a terzi del quinto dello stipendio l'azienda privata sarà tenuta a effettuare le relative trattenute mensili.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca