I diritti del cattivo pagatore censito nella Centrale Rischi

Il codice di deontologia riconosce all'interessato la facoltà di esercitare i diritti di cui all'art 7 del Codice sulla privacy (D. lgs. 196/2003), sia attraverso la stessa Centrale Rischi, sia attraverso l'ente finanziario che ha trasmesso i dati e di ottenerne un riscontro tempestivo e completo.

Tale facoltà può essere esercitata anche per il tramite di un soggetto all'uopo delegato, che può agire solo al di fuori di qualsiasi interesse personale o di terzi ad esso collegati, con l'unico scopo della tutela dei diritti dell'interessato. Nello specifico, l'interessato può:

  • accedere ai propri dati censiti dalle Centrali Rischi ed esserne informato in maniera chiara e intelligibile;
  • ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati erroneamente censiti;
  • ottenerne la cancellazione o il blocco in determinati casi (ad esempio, se i dati sono conservati oltre il termine previsto dal codice o se non sono pertinenti);
  • opporsi al trattamento dei dati illecitamente trattati (ad esempio, se sono utilizzati per la vendita di prodotti, ricerche di mercato o simili).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i diritti del cattivo pagatore censito nella centrale rischi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.