Natura dei dati dei cattivi pagatori censiti nelle centrali rischi

I dati utilizzati, oltre a quelli anagrafici e al codice fiscale, devono riguardare solo ed esclusivamente le vicende creditizie del soggetto che chiede o è già parte di un rapporto di reddito con la banca, quali il tipo di contratto, l'importo del credito, le modalità di rimborso, l'andamento periodico dei pagamenti, l'eventuale contenzioso per il recupero della somma dovuta e altre vicende strettamente collegate al rapporto con la banca stessa.

Tutti i dati che non riguardano la situazione creditizia non possono essere utilizzati (dati sensibili, giudiziari o strettamente personali). Inoltre, gli unici dati utilizzabili dalla Centrale Rischi riguardano il soggetto che chiede un prestito alla banca o è già parte di un rapporto di credito ed il soggetto eventualmente coobbligato (garante del prestito o altro debitore in solido).

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su natura dei dati dei cattivi pagatori censiti nelle centrali rischi. Clicca qui.

Stai leggendo Natura dei dati dei cattivi pagatori censiti nelle centrali rischi Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 6 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria legittimità iscrizione del debitore in centrale rischi . Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi Numero di commenti e domande: 0

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info