Quando è lecito il trattamento dei dati dei cattivi pagatori censiti nelle centrali rischi

Le informazioni ed i dati personali possono essere scambiati solo ed esclusivamente per finalità correlate alla tutela del credito e al contenimento dei relativi rischi, per valutare la situazione finanziaria e il merito creditizio degli interessati o, comunque, la loro affidabilità e puntualità nei pagamenti.

Gli intermediari finanziari che partecipano al sistema (enti partecipanti) possono accedere alle informazioni che riguardano un determinato soggetto censito dalla Centrale Rischi solo successivamente ad una sua specifica richiesta di finanziamento ed al fine di valutarne la situazione finanziaria, l'affidabilità e la puntualità nei pagamenti. Quindi per controllare se il soccetto è gia iscritto in una lista di cattivi pagatori.

L'accesso ai dati al di fuori delle citate finalità è illecito. I dati non possono assolutamente essere utilizzati per scopi diversi, soprattutto per promuovere, pubblicizzare o vendere prodotti o servizi.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando è lecito il trattamento dei dati dei cattivi pagatori censiti nelle centrali rischi. Clicca qui.

Stai leggendo Quando è lecito il trattamento dei dati dei cattivi pagatori censiti nelle centrali rischi Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 6 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria legittimità iscrizione del debitore in centrale rischi Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info