Le Centrali Rischi pubbliche che censiscono i cattivi pagatori - CR CAI RIP

Dove vengono registrati i nominativi dei cattivi pagatori e i dati di dettaglio relativi agli eventi pregiudizievoli?

La Banca d'Italia gestisce, direttamente o indirettamente, tre Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC):

  • CR (Centrale Rischi) per importi superiori a 30  mila  euro e riguardanti i cattivi pagatori di cui ai punti  3 e 4. Ricordiamo che dal 1/1/2009 la CR della Banca d'Italia ha abbassato a 30mila (ex 75 mila) la propria soglia di competenza inglobando la CRIC - Centrale Rischi di Importo Contenuto -  sempre pubblica, che raccoglieva le segnalazioni di importo "ridotto";
  • CAI (Centrale Allarme Interbancaria) per le casistiche relative ai cattivi pagatori di cui al punto 6.

I Tribunali e gli Uffici di Pubblicità Immobiliare forniscono le informazioni relative ai cattivi pagatori per i casi indicati ai punti 7 e 8.

Nel Registro Informatico dei Protesti (RIP) gestito dalla Camere di Commercio, sono iscritti i dati relativi ai cattivi pagatori per protesti di assegni bancari, assegni postali, cambiali, tratte e vaglia cambiari (punto 5). Si tratta ancora di dati pubblici e pertanto accessibili a tutti.

Da quanto appena esposto emerge che le banche dati pubbliche (Bankitalia, i Tribunali, le ex conservatorie) non censiscono:

  • i cattivi pagatori (soggetti morosi)  e gli eventi pregiudizievoli indicati al punto 1 (morosità intese come ritardati pagamenti);
  • i cattivi pagatori (soggetti incagliati) e gli eventi pregiudizievoli di cui al punto 2 (sospensione dei pagamenti e credito incagliato);
  • le richieste di finanziamento.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le centrali rischi pubbliche che censiscono i cattivi pagatori - cr cai rip.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • massimo34 3 giugno 2015 at 13:11

    Vorrei porre alcune domande: il 16 maggio mi sono recato in banco di napoli per un prestito personale, il consulente mi riferisce che non può inserire la pratica per problema giudizievole.

    Faccio visura alla crif, dove mi esce il prestito con compass in corso ed un altro dove ho fatto come garante a mio padre estinto prima della data di conclusione. Nei due mai un ritardo di pagamento.

    In equitalia sono andato a controllare nulla di impagato.

    Allora mi chiedo dove sta il problema visto che sono glii unici prestiti in cui sono coinvolti.

    Vorrei sapere se una franchiggia auto non pagata dove sto ancora in causa può essere la causa?

    Ho chiesto di fare una visura su experian per sapere la mia situazione.

    In caso vorrei sapere quali istituti possono segnalarti per cattivo pagatore ecc ?
    In caso di segnalazione come farsi cancellare?

    • Annapaola Ferri 3 giugno 2015 at 13:29

      Il cliente non può contestare la mancata concessione del credito richiesto, in quanto ciascuna banca ha il diritto di applicare le proprie politiche di credito. Ma ha diritto di venire a conoscenza di eventuali eventi pregiudizievoli sulla base dei quali la banca nega il prestito.

      In altre parole: lei ha diritto ad una risposta scritta circa le motivazioni per cui il credito richiesto le è stato negato. Questa comunicazione potrà anche esaurirsi in una generica valutazione del merito creditizio in base al reddito percepito dal richiedente. Oppure far riferimento a precise Centrali di rischio in cui il nominativo dell'aspirante debitore risulta segnalato.

      Tenga conto che le banche trovano le scuse più astruse per motivare verbalmente il diniego alla concessione di un prestito. Discorso diverso, invece, quando si tratta di metterle nero su bianco, dal momento che il documento rilasciato potrebbe essere utilizzato per un ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario.

      Inoltri reclamo alla banca, con raccomandata AR, chiedendo di conoscere le motivazioni per le quali il credito non le è stato concesso.

    1 5 6 7